Home / Torino e Provincia / Caselle Torinese / MAPPANO. Il ricorso di Grassi al Tar è stato bocciato
tribunale
tribunale

MAPPANO. Il ricorso di Grassi al Tar è stato bocciato

Domani in giornata potrebbe sapersi se si andrà alle urne o meno a Mappano e, di conseguenza, a Caselle.

A Torino, infatti, verrà discusso il ricorso al Tar da parte dei Comuni di Borgaro e Leini, anche se la sentenza potrebbe essere differita di qualche giorno.

Nel frattempo, però, il Tribunale amministrativo regionale si è espresso sul ricorso presentato dal Comitato pro Mappano, cassando le motivazioni di Francesco Grassi and friends e che poggiava sulla disparità di trattamento tra i cittadini di Mappano e quelli del concentrico. Ma per il Tar queste motivazioni sono state definite “generiche”.

“Abbiamo appreso che questa prima istanza urgente non è stata accolta, ma è stata invece confermata la Camera di Consiglio prevista per il 31 maggio a ridosso delle elezioni amministrative – commenta Grassi – Rispettiamo come sempre la decisione della magistratura, anche se riteniamo che fosse palese la violazione dell’articolo 48 della Costituzione, nel momento in cui si chiede l’impedimento al voto dei cittadini di Mappano e di Caselle. In cuor nostro speriamo che nelle intenzioni della magistratura amministrativa vi sia un rigetto articolato dei motivi dei pretestuosi ricorsi di Borgaro e Leinì. L’unico effetto dei ricorsi dei Comuni, iniziati a partire dal 2009 con un procedimento perento dopo cinque anni, un altro iniziato nel 2012 estinto per rinuncia dopo cinque anni e oggi un altro di durata futura indefinita, è quello di aggravare le difficoltà burocratiche legate all’Istituzione definitiva del Comune di Mappano avventa definitivamente il 31 gennaio 2013”.

Per Grassi “questo atteggiamento palesemente ostruzionistico rende difficile l’applicazione della legge istitutiva del Comune e le necessarie azioni concertative necessarie come in ultimo rilevato recentemente anche dalla Corte dei Conti. Speriamo che i nostri appelli rivolti a tutte le Istituzioni della Repubblica deputate a tutelare i diritti dei cittadini di Mappano non restino inascoltati e che si possa finalmente celebrare la festa della democrazia, attraverso libere elezioni amministrative e attraverso la realizzazione dei sogni di sviluppo sociale ed economico della comunità di Mappano. I cittadini attendono ora una risposta forte delle loro Istituzioni”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ANSCARIO I

Non posso nascondere la mia delusione più a lungo. Non uno, dico uno, che si …

Una navetta sostituisce la ferrovia Torino-Ceres da Venaria

Dal 25 agosto la linea treno Sfma, l’ex Torino-Ceres, si ferma a Venaria; per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *