Redazione

di: Redazione

Home / In provincia di Torino / MAPPANO. Continuerà ad essere Comune

MAPPANO. Continuerà ad essere Comune

Il sindaco di Mappano Francesco Grassi
Il sindaco di Mappano Francesco Grassi

Mappano continuerà ad essere Comune. Lo ha deciso la Regione Piemonte, che ha rigettato la richiesta dei Comuni di Settimo, Leini e Borgaro di abrogare la legge istitutiva del Comune di Mappano.

Come tutti ricorderanno, prima del voto, i tre Comuni avevano convocato d’urgenza i rispettivi consigli comunali per approvare un ordine del giorno con cui chiedere il “passo indietro” da parte dell’Ente che nel 2013 aveva detto “sì” all’avvio dell’iter di nascita della nuova municipalità.

Ma la Regione ha deciso di dire “basta” e lasciare che sia Francesco Grassi e la sua Giunta a trovare i modi per fare andare avanti Mappano.

Tanta la soddisfazione in Grassi: “Non eravamo preoccupati per l’esito che la Regione avrebbe dato alla proposta di legge che i Comuni cedenti di Borgaro Settimo e Leinì hanno presentato ma amareggiati per il fatto che la stessa sia stata presentata dopo tanti anni di contenziosi a nostro danno. È stato un atto ostile nei nostri confronti e ci dispiace molto che sia dovuto intervenire nuovamente un arbitro esterno. Avremmo auspicato che fossero i comuni cedenti a ritirare la proposta di legge abrogativa del Comune di Mappano, ci sembrava un atto dovuto anche dopo l’esito del ricorso al Tar e l’insediamento di questa Amministrazione”.

Sindaco e maggioranza hanno anche toccato il tema dei dipendenti, ad oggi assenti per via dell’assenza di convenzioni e perché, soprattutto, nessuno degli impiegati, funzionari e dirigenti dei Comuni cedenti può andare via in modo coatto ma solo su base volontaria: “Speriamo non sia necessario ricorrere ad un arbitro esterno per ottenere il trasferimento del personale da parte dei Comuni cedenti e per avere l’immediata contabilizzazione e il trasferimento delle risorse al Comune di Mappano acquisite temporaneamente dai comuni cedenti a partire dal 2013”. Noi con grande fatica e sacrificio stiamo cercando di mantenere i servizi essenziali nel nostro è comune, ma è sotto gli occhi di tutti il mancato invio di personale necessario e indispensabile da parte del Comune di Caselle di Borgaro e di Leini. Speriamo per il bene di tutti in un repentino cambio di strategia da parte loro che li riporti al tavolo delle trattative. In caso contrario questa amministrazione agirà a tutti i livelli e in tutte le sedi per difendere i diritti dei cittadini di Mappano”.

Commenti

Leggi anche

consigliocomunale

SAN SEBASTIANO. Approvata la destinazione commerciale della Cadauta

Temi caldi al consiglio comunale di San Sebastiano di sabato scorso. Il sindaco Bava ha …

carabinieri

LEINÌ. Voleva denunciarlo, aggredisce moglie davanti a caserma Cc

Ha aggredito la moglie davanti alla caserma dei carabinieri, dove la donna era andato a …