Home / Torino e Provincia / Cuceglio / Maltrattava la moglie. Romeno alla sbarra
giustizia
giustizia

Maltrattava la moglie. Romeno alla sbarra

“Lo avevo avvertito che se mi avesse picchiato ancora sarei andata via di casa. E l’ho fatto”. Lo ha riferito singhiozzando, l’altra mattina in Tribunale, la giovane di origine romana sedicente vittima di violenze subite da parte del compagno. In un perfetto italiano ha raccontato di fronte al giudice Marianna Tiseo l’incubo vissuto nel periodo tra il 2009 e il 2011 nella casa coniugale a Cuceglio. L’uomo, Valentin Hrabanon, si trova per quei fatti imputato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, difeso dall’avvocato Laura Monteu. Il primo episodio risalirebbe al novembre del 2010. “Prima di allora non mi aveva mai picchiato – ha sottolineato la giovane -. Litigavamo quasi ogni giorno ma le cose sono peggiorate dopo la nascita del bambino nel 2009”. Nel fabbraio 2011 Hrabanon la minaccia di morte secondo la querela. “Voleva uscire a bere con amici, io non volevo – ha raccontato ancora la ragazza -. Ha detto che mi avrebbe ucciso con dei coltelli”. Si arriva al novembre quando la donna decide di andarsene di casa. “Stavo cucinando, aspettavo che arrivassero mio fratello e mia cognata a mangiare – ha raccontato la ragazza -. Lui si è arrabbiato, non voleva e mi ha chiesto perchè non avessi invitato anche sua madre. Mi ha tirato un pugno nell’occhio. Quando mio fratello è arrivato ho detto che avevo sbattuto contro la porta”. “Quell’occhio – ha sottolineato il fratello della vittima, interrogato anche lui dal Pm Roberta Bianco – non poteva essere causato da una porta. Ho affrontato Valentin, ha ammesso di averla picchiata e mi ha giurato che non sarebbe più successo. E ho detto loro di andare avanti, erano sposati da solo un anno”. Anche la madre della ragazza ha riferito che “l’ho visto diverse volte aggredirla. Io avevo detto che non avrei chiamato i Carabionieri ma doveva essere l’ultima volta. Lui le aveva chiesto scusa, diceva che non sarebbe più successo. Invece non era andata bene”. Il processo è stato rinviato al 20 gennaio del 2015 per i testi della difesa, la discussione si terrà il successivo 17 febbraio.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Utilizziamo gli alberghi! L’appello di medici, sindaci e personale sanitario. Ardissone non ci sente!

CORONAVIRUS. L’ho già detto che sono incazzato vero? Sì! Oggi, dopo una più che meditata …

TORRAZZA. Giunta e Consiglio potranno svolgersi in videoconferenza

Adempiendo alle recenti disposizioni del governo, il 24 marzo il sindaco Massimo Rozzino ha firmato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *