Home / In provincia di Torino / LOMBARDORE. Il poligono ritorna in mano al Comune

LOMBARDORE. Il poligono ritorna in mano al Comune

I 400 ettari del Poligono di Tiro ritornano al comune di Lombardore. “Anticipando tutti gli altri comuni– spiega il sindaco Diego Bilinel 2013 abbiamo fatto richiesta affinché quella parte di territorio tornasse di nostra proprietà per trasformare l’area in un parco come si deve. Dopo 123 anni volevamo riavere la parte che ci spettava e il Ministero della Difesa ha accettato la richiesta”. Il Poligono di Tiro nel 1892 era stato ceduto all’Esercito Reale per far esercitare i propri soldati. Negli anni ’80 è diventato di proprietà del Ministero della Difesa che ha adibito la zona a parco ma solo dal 2001 il Poligono militare non è più attivo, fatta eccezione per alcuni soldati che si sono esercitati per la guerra in Afghanistan nel 2011, ed è stato inserito nella “Riserva Naturale della Vauda”. “Ritorneranno al comune 400 ettari ovvero 1/3 del paese- continua Bili- che vorremmo utilizzare per coltivare i prodotti più adatti a quello specifico terreno come ad esempio la canapa e ovviamente renderlo accessibile al pubblico. Il primo progetto da realizzare, però, sarà la bonifica dell’area che non è mai avvenuta, nonostante da anni non si facciano più esercitazioni all’interno. Il costo dell’intervento ammonta a circa 4milioni di euro. Per questo stiamo cercando di trovare dei finanziamenti, magari con la Regione e il politecnico, in modo tale da raggiungere la somma che ci serve per effettuare quest’operazione e valorizzare il territorio”. 

 

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Incidente

SAN GERMANO CHISONE. Coppia della provincia di Asti muore in un incidente in moto

Due morti nello scontro tra un’auto e una moto a San Germano Chisone (Torino), nel …

BALME. Pastore di pecore disperso, ricerche da ieri

Un pastore di pecore risulta disperso sopra Balme, nelle valli di Lanzo. Nelle ricerche sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *