Home / Dai Comuni / LOMBARDORE. Anno d’oro per la Pro loco

LOMBARDORE. Anno d’oro per la Pro loco

È l’anno d’oro della Pro Loco di Lombardore.

Dal nuovo corso inaugurato a gennaio, con l’elezione di Matteo Papagni presidente, lui già da dieci anni nel giro delle associazioni, i soci sono quadruplicati per arrivare a quota 100 tesserati. La festa patronale, anch’essa rinnovata dalle fondamenta, ha raggiunto risultati di partecipazione mai visti. E i volontari, sarebbe strano il contrario, gongolano…

Matteo, quando è nata la Pro Loco?

“Già negli anni ’70 è nato il GAL, Gruppo Autonomo Lombardore, che sostanzialmente era un po’ l’antenato della Pro Loco come organizzatore di eventi per il paese. La Pro Loco vera è propria è nata all’incirca a inizio anni ’80, ma negli anni ci sono stati alti e bassi. Dal 2007 è anche stata sciolta per 4 anni, fino al giugno 2011, periodo in cui è rimasto in piedi solo un comitato che gestiva la festa patronale”.

E poi?

“Il 4 giugno del 2011 un gruppo di volontari hanno rifondatato la Pro Loco, con presidente Giorgio Rizza. Dopo alterne vicende arriviamo a gennaio 2017, con il nuovo corso dell’associazione e la mia elezione come presidente. Abbiamo rinnovato il gruppo e introdotto diverse novità”.

Di quante persone è composto il sodalizio?

“Per quanto riguarda il direttivo, nei giorni successivi alla festa patronale abbiamo ricevuto l’addio di 3 dimissionari per motivi di famiglia e di lavoro. Siccome la festa è andata molto bene, però, molti giovani si sono avvicinati e alcuni di loro hanno deciso di entrare nel Direttivo. Ne approfitteremo per allargarlo aggiungendo 3 consiglieri e un revisore dei conti. Siamo contenti, i giovani portano sempre idee nuove”.

Quanti sono i soci tesserati?

“Da quest’anno sono quadruplicati. Gli anni scorsi, sinceramente, abbiamo avuto qualche difficoltà con il tesseramento, ma nel 2017 siamo quasi a 100 persone, numeri mai visti. C’è stato un vero e proprio boom e non possiamo che essere contenti. Io in primis sono orgoglioso di essere presidente di questa Pro Loco”.

Qual è il vostro obiettivo?

“Di continuare, come dico sempre, a cavalcare il momento. Dobbiamo essere sempre più presenti a Lombardore e dare vita a tanti nuovi momenti di aggregazione. A gennaio ci siamo posti l’obiettivo di fare un evento al mese e ci siamo riusciti. Il nostro sogno è poter diventare un po’ il punto di riferimento per tutte le associazioni del paese e per questo motivo cerchiamo sempre di collaborare con tutti”.

Quali sono le attività che portate avanti?

“A parte la festa patronale, abbiamo collaborato a numerose raccolte fondi. Ad aprile, ad esempio, ci siamo mossi per il Telefono Azzurro, a marzo per il banco alimentare con gli alpini e la Protezione Civile. Ad ottobre daremo una mano all’associazione “Meglio Insieme” vendendo le mele per raccogliere fondi per combattere la sclerosi multipla. Poi questo è stato l’anno dei bambini. A Lombardore si sentiva questa esigenza da parte delle famiglie, così abbiamo dato vita dopo tanti anni ad un carnevale in piazza a febbraio. Poi organizzeremo la castagnata e fare qualcosa anche per Halloween”.

Quanto è importante la Pro Loco per Lombardore?

“Quest’anno è diventata un punto di riferimento importante per i lombardoresi, la gente è soddisfatta. Vogliamo che i cittadini siano orgogliosi della pro loco e ci sembra sia così, dalla festa patronale la gente che ci incontra per strada ci ferma per salutarci e ringraziarci, vorrà pur dire qualcosa”.

Quanto è importante la collaborazione con il Comune?

“Per noi è fondamentale. Se c’è sinergia tra Pro Loco e Amministrazione i risultati si vedono. Dobbiamo ringraziare il sindaco Diego Bili che negli ultimi mesi, nonostante i fatti di piazza San Carlo a Torino, ci è venuto incontro dandoci una mano a districarci nella burocrazia e garantendo per l’organizzazione della patronale. Senza l’aiuto dell’Amministrazione avremmo incontrato troppe difficoltà”.

Come ti immagini il futuro della Pro Loco?

“Spero che continui ad aumentare il numero di cosi e che si allarghi il direttivo. I giovani devono continuare a partecipare con costanza come avvenuto per la patronale, sono loro il futuro, ci auguriamo abbiano l’intenzione di continuare l’opera iniziata da noi”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO. Accordo con la Facoltà di Agraria per dire basta all’erba alta

Un accordo con la Facoltà di Agraria dell’Università di Torino per dire basta all’erba alta …

CHIVASSO. Patrick Picello sta con il cantante Imparato

“Finalmente tu @patrickpicello Buon San Valentino!”. Un post su instagram, su un profilo seguito da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *