Home / In provincia di Vercelli / LIVORNO FERRARIS. Tenta di investire la figlia: moglie, prima mai commessi atti gravi

LIVORNO FERRARIS. Tenta di investire la figlia: moglie, prima mai commessi atti gravi

“Mio marito e mia figlia litigavano e arrivavano a scambiarsi insulti, e lui spesso minacciava di picchiarla. Ma non è mai arrivato a commettere fatti gravi”. Parla così la moglie di El Mustafa Hayan, l’uomo di 53 anni di origine marocchina che lo scorso 15 marzo a Livorno Ferraris (Vercelli) ha tentato di investire la figlia di 20 anni, Miriam, per la sua voglia di indipendenza e la volontà di vivere “all’italiana”. Il marocchino è accusato di tentato omicidio aggravato e maltrattamenti, e oggi, in tribunale, sono sfilati diversi testimoni dell’accusa. “Mio marito seguiva Miriam per controllarla e vedere cosa faceva, e lei si lamentava – ha proseguito nella sua testimonianza -; appena dopo l’investimento ha detto di non averla vista, e io ci ho creduto”. Un testimone dell’incidente ha invece riportato alcune parole dette da Miriam appena dopo l’incidente, secondo la quale il padre l’avrebbe investita volontariamente con la macchina. “Ho sentito un’automobile accelerare – ha detto il teste – e poi un urlo”. Prossima udienza il 30 ottobre.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Obbligo di mascherine nei luoghi pubblici fino al 30 giugno

Obbligo di mascherine nei luoghi pubblici fino al 30 giugno. In un video messaggio rivolto …

La Lilt di Montanaro

MONTANARO. Lilt e Hope Running unite per l’emergenza alimentare

A vincere è ancora la solidarietà. Oggi, la delegazione Lilt di Montanaro in collaborazione con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *