Home / In provincia di Vercelli / LIVORNO FERRARIS. Ferì figlia perché faceva’ l’occidentale, padre in tribunale

LIVORNO FERRARIS. Ferì figlia perché faceva’ l’occidentale, padre in tribunale

“Non ho mai minacciato mia figlia: l’ho sempre aiutata e accompagnata a cercare lavoro, e non ho mai fatto storie per come era vestita. Le ho solo dato una volta uno schiaffo perché non aveva controllato il fratellino”. Sono le parole di El Mustafa Hayan, l’uomo di 53 anni di origine marocchina che lo scorso 15 marzo a Livorno Ferraris (Vercelli) aveva tentato di investire la figlia di 20 anni, Miriam, per la sua voglia di indipendenza e la volontà di vivere “all’italiana”. Il marocchino, ascoltato oggi in tribunale, è accusato di tentato omicidio aggravato e maltrattamenti. Hayan riferisce in aula anche sull’episodio di metà marzo: “Sono uscito con la macchina – ha detto di fronte al giudice -, ho fatto un giro del paese e sono tornato vicino a casa, dove ho visto mia figlia. Volevo solo chiederle dove stesse andando, lei si è presa paura e si è buttata sull’automobile. Sono dispiaciuto per quello che è successo”. L’imputato, agli arresti domiciliari, ha sottolineato di continuare a chiedere informazioni sullo stato di salute della figlia, e ha chiesto scusa per il gesto. Si torna in aula il 14 novembre.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SAN BENIGNO. “Lascio L’Eredità per tornare a scuola, i ragazzi mi aspettano”

Ha emozionato tutta Italia Niccolò Pagani, professore della scuola media salesiana di San Benigno Canavese, …

RIVAROSSA. “Mi dimetto, sono stanco di fare il Don Chisciotte”

Sarebbe bastato posticipare i consigli comunali e dell’Unione Collinare di un’ora, un’ora e mezza. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *