Home / BLOG / Brandizzo: la libertà di espressione è un diritto anche dei consiglieri comunali

Brandizzo: la libertà di espressione è un diritto anche dei consiglieri comunali

Sicuramente, l’articolo 21 della nostra Costituzione è uno degli articoli più importanti, poiché sancisce un principio fondamentale che nei secoli passati, quando le nazioni erano rette da regimi assolutistici o totalitari, non era osservato e anzi era fonte di persecuzioni e di repressioni.

Ma cosa significa in generale “libertà di opinione”? Ebbene, la libertà di opinione è la libertà di esprimere il proprio pensiero, di divulgarlo e dunque di ottenere pure consenso o dissenso.

La libertà di opinione è un diritto costituzionale assoluto ed è su esso che viene basata la democrazia.L’articolo 21 della Costituzione è la libertà di manifestare, di esprimersi. E’ una libertà che la Costituzione garantisce, è una libertà di tutti noi cittadini senza nessuna discriminazione.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La libertà di manifestazione del pensiero è tra tutte le libertà civili, sicuramente la più importante ed espressiva perché interessa da un lato, la vita spirituale dell’uomo e il patrimonio, le idee di cui egli è portatore, dall’altro la sua partecipazione alla vita e al progresso del paese. Ogni regime democratico che favorisca la realizzazione dell’individuo come singolo e come membro della collettività politica organizzata, si caratterizza per il fatto che prima ancora delle altre libertà civili, consente ai cittadini di farsi delle convinzioni e di esprimere il proprio pensiero in tutti i campi.

La garanzia della libertà di pensiero e della sua manifestazione costituisce una condizione imprescindibile per la stessa sopravvivenza di un regime democratico perché essa assicura la formazione di un convincimento personale, da parte di ciascun cittadino, e di un’opinione pubblica criticamente fondata che costituiscono la base ideologica di ogni regime democratico.

E’ significativo come la libertà più colpita dai regimi autoritari e dittatoriali passati e presenti, sia proprio la libertà di manifestazione del pensiero che è compressa generalmente attraverso la censura politica e il soffocamento della stampa.

Nell’ordinamento costituzionale italiano il diritto di manifestare il proprio pensiero è sancito per tutti dall’articolo 21 della Costituzione e consiste nella facoltà riconosciuta al singolo di manifestare il proprio pensiero in modo pubblico e di farne propaganda con qualsiasi mezzo.

La Costituzione garantisce la libertà di pensiero intesa sia come libertà di pensare e di avere idee personali senza poter essere discriminato in base ad esse, sia nel suo aspetto strumentale o dinamico, come libertà di estrinsecare il proprio pensiero in qualsiasi luogo adatto a divulgare le proprie idee.

Il costituente ha inteso assicurare ad ogni individuo la giuridica possibilità di avere opinioni personali e di manifestarle.

Per quanto riguarda il contenuto della manifestazione del pensiero è innegabile che la garanzia costituzionale riguarda e si applica a qualunque tipo di messaggio s’intenda diffondere.

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Sertoli batte Ballurio: licenziamento giusto… Il Ministero dell’interno gli dà ragione, ma…

S’era rivolta al Capo dello Stato Sergio Mattarella per l’annullamento del provvedimento del 3 marzo …

La macelleria Bertinetto di Rivarolo Canavese

RIVAROLO. Così il virus ha stravolto le vite dei negozianti. Il racconto di Paola della macelleria Bertinetto

Paola De Iudicibus, 51 anni,  lavora da 15 anni col marito Ivo, 52 anni, titolare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *