Home / In provincia di Torino / SETTIMO/LEINI. Idv esclusa dalle elezioni, Brugia perde una lista, Lape tre candidati
Pietro Lapertosa

SETTIMO/LEINI. Idv esclusa dalle elezioni, Brugia perde una lista, Lape tre candidati

La lista dell’Italia del Valori è esclusa dalle elezioni di Leini per irregolarità nell’autenticazione delle firme e perde pezzi anche da Settimo. Gianfranco Brugiafreddo, il candidato sindaco leinicese del Pd, dovrà fare a meno di una delle tre liste che lo sostengono. È andata meglio a Pietro Lapertosa, che punta alla fascia tricolore nella città della Penna sotto il vessillo del Gabbiano. Lui ha perso per strada “soltanto” tre candidati.

 

Le situazioni dei due comuni sono distinte ma simili. Questo il problema: alcune candidature delle liste dell’Idv sono state autenticate a Venaria dall’assessore della città della Reggia Mimmo Delli Santi, esponente dell’Idv. Secondo le commissioni elettorali dei comuni di Leini e di Settimo la procedura non sarebbe regolare, perchè le liste avrebbero dovuto essere autenticate da un pubblico ufficiale nei comuni di Leini e di Settimo.

 

A Leini la situazione è più critica, perchè, come spiega il referente regionale dell’Idv, Nini Punzuruddu “le candidature autenticate da Delli Santi qui sono molte, e quindi depennarle fa sì che la lista non raggiunga il numero minimo di candidati. Di fatto, ad oggi, siamo fuori. A Settimo invece mi hanno spiegato che sono soltanto tre le candidature contestate, e quindi la lista può presentarsi comunque”. C’è solo un problema: decine di cittadini hanno firmato per far sì che la lista di Lapertosa si presentasse alle elezioni, e ora si ritrovano quell’elenco con tre nomi depennati. E’ abbastanza per far saltare il banco? La risposta dovranno darla i giuristi, che sono già all’opera.

 

Punzuruddu infatti non ci sta e annuncia battaglia. “È un’anomalia pazzesca: non è possibile che un assessore non possa autenticare nel suo comune, dove è un pubblico ufficiale. Il nostro avvocato è già all’opera e ha presentato un’integrazione di documentazione alla commissione elettorale. Sostiene che potremo essere tranquillamente riammessi. Se così non fosse, ricorreremo al Tar. Oltretutto la nostra esclusione è avvenuta fuori tempo massimo: la commissione elettorale aveva già approvato le nostre liste”. In caso di ricorso al Tar, le elezioni di Settimo e Leini potrebbero complicarsi notevolmente. Almeno secondo Punzuruddu. “In quell’eventualità penso che, visti i lunghi tempi delle procedure amministrative, non potremo presentarci alle urne il 25 maggio. Ma se poi il Tra dovesse darci ragione che succederà?  Verrebbero annullati i risultati delle elezioni?”.

Lorenzo Bernardi

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Carabinieri (foto d'archivio)

TORRAZZA. Proiettile contro un’abitazione: “Temiamo arrivi dal poligono”

Un solo sparo, in pieno giorno ha colpito la porta della villa di una coppia …

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *