Home / In provincia di Torino / LEINI. Leone: “Speculano sulle paure per i voti”. E Pittalis minaccia denuncia
Al ballottaggio Gabriella Leone e Renato Pittalis

LEINI. Leone: “Speculano sulle paure per i voti”. E Pittalis minaccia denuncia

A due giorni dal ballottaggio, volano le denunce. I vertici di Cambia Leini con Noi, appena poche ore fa, hanno deciso di denunciare per diffamazione Uniti per Leini. Al centro della bufera, un post pubblicato questa mattina dagli oranges, in risposta a chi avrebbe messo in giro voci sul presunto sbarco di immigrati nella cittadina dei Provana.  “Vergogna! – ha scritto sui social Uniti per Leini -. Speculano sulle paure delle persone per raccattare qualche voto, a Leini non arriveranno gli immigrati”. Ecco che, a pochi giorni dal ballottaggio tra Gabriella Leone e Renato Pittalis, ogni riferimento a Cambia Leini con Noi è tutt’altro che casuale. “Ci risiamo! – hanno aggiunto gli oranges sui social -. A pochi giorni dal voto ritorna lo spauracchio immigrati. “Se vince la Leone dove oggi ci sono le scuole medie arriveranno gli immigrati…”. No. Non è così, al posto delle attuali scuole medie saranno realizzate unità immobiliari di qualità che insieme al parcheggio multipiano dietro il vecchio palazzo comunale faranno acquisire valore a tutti gli appartamenti della zona. Appartamenti che saranno venduti”. Un affronto insostenibile, secondo i vertici della coalizione civica di Renato Pittalis che ha annunciato di voler percorrere le vie legali. “Riteniamo vergognoso che per una manciata di voti la lista che sostiene Gabriella Leone inventi una notizia dell’ultima ora per farci apparire ciò che non siamo – hanno scritto -. Ecco il senso della loro “correttezza” e della loro “legalità”: invece di verificare delle dicerie preferiscono servirsene per il loro tornaconto. Non è la prima volta che Uniti per Leinì cerca di denigrarci gratuitamente e falsamente ed è per questo che crediamo sia giusto a questo punto denunciare per diffamazione. Quanto all’accusa di razzismo, la rispediamo al mittente, visto che strumentalizzano situazioni molto delicate, evidenziando un declino, non solo di consenso, ma prima di tutto di correttezza e lucidità. Pertanto respingiamo questi insulti, invitando gli avversari a non proseguire la strada dell’odio che divide la nostra Comunità con un atteggiamento provocatorio e menzognero”.

 

Commenti

Blogger: Alberto Mancuso

Alberto Mancuso
La finestra sul mondo

Leggi anche

IVREA. Presunta violenza al Castellazzo: le indagini continuano

• A un mese esatto dalla presunta violenza sessuale commessa all’interno del centro sociale Castellazzo, …

IVREA. Se glielo ha detto Lavarini….! Ecco perchè La Serra è “fuori”

Per decenni con quei suoi contorni di una macchina da scrivere è stato il simbolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *