Home / Dai Comuni / LEINI. Incendio in via Murialdo, una donna ha perso la vita
Incendio Leini
L'incendio in una casa a Leini, in via Murialdo

LEINI. Incendio in via Murialdo, una donna ha perso la vita

Maria Giuseppina Zappatore, 64 anni, e suo fratello Michele, di 65, vivevano assieme in quella villetta in via Don Murialdo 11, alla periferia di Leini. Giovedì mattina, poco dopo le 9, un incendio ha portato via per sempre Maria. Quando le fiamme hanno avvolto l’abitazione, lei era in cucina. Il fratello, invece, è riuscito a fuggire per tempo.

È stato lui, di professione operaio, che, seppur intossicato, si è calato giù e ha iniziato a chiedere aiuto ai vicini e ai passanti. Qualcuno che potesse chiamare i mezzi di soccorso, prontamente intervenuti.

I vigili del fuoco di Torino Stura, San Maurizio Canavese, Volpiano e Caselle hanno lavorato a lungo per domare le fiamme, con una colonna di fumo nero che per decine di minuti è stata visibile anche a distanza di diversi chilometri.

Quando poi sono riusciti ad entrare nell’abitazione, per Maria non c’era più nulla da fare: era morta. Il medico legale non ha fatto altro che constatare il decesso, che si presume per esalazione da monossido di carbonio, anche se il feretro è poi stato portato alle camere mortuarie dell’ospedale civile di Chivasso, dove sarà eseguita l’autopsia di rito, come da disposizione della Procura di Ivrea.

Sul posto il personale del 118, che si è prodigato per prestare i primi soccorsi al fratello, successivamente portato in ospedale al Giovanni Bosco di Torino per i controlli del caso: per fortuna, non sarebbe in pericolo di vita. Nonostante ciò, rimarrà in osservazione qualche giorno.

Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della stazione di Leini. Anche se le cause del rogo sono in fase di accertamento, per i militari coordinati dal maresciallo Ivan Pira, una pista potrebbe portare ai rifiuti che i due accumulavano di continuo, in ogni angolo della casa. Quegli stessi rifiuti che hanno reso ancora più complicate le operazioni di spegnimento delle fiamme nella villetta. Da quanto si è appreso, i due erano regolarmente seguiti dagli assistenti sociali dell’Asl To4.

Tra i primi ad arrivare anche il sindaco di Leini, Renato Pittalis, sconvolto per l’accaduto.

La strada è stata chiusa al traffico per gran parte della mattinata, prima permettere l’arrivo dei mezzi di soccorso e successivamente per completare le operazioni di spegnimento e messa in sicurezza della villetta. Le fiamme, infatti, hanno causato la distruzione dei mobili.

Zappatore era molto conosciuta in città perché era una “gattara”, ovvero una donna che quotidianamente si prendeva cura dei gatti randagi di Leini, portando loro cibo, acqua e qualcosa su cui dormire nei periodi più freddi dell’anno.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Gianmario Sartoris del Centro Karate Valli di Lanzo

ARTI MARZIALI. Centro Karate Valli di Lanzo: “Per adesso non se ne fa nulla”

“Non siamo ripartiti e non ripartiremo fino a settembre”. Gianmario Sartoris, direttore tecnico del Centro …

ospedale settimo

Quale futuro per l’ospedale di Settimo? E’ scaduta la convenzione con la Regione

Quale futuro per l’ospedale di Settimo Torinese? Forse a qualcuno è sfuggito ma è bene …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *