Home / In provincia di Torino / LEINI. Caso presepe, genitori inviperiti contro il dirigente. Anche la politica reagisce
Il direttore della scuola Anna Frank Piero Bottale

LEINI. Caso presepe, genitori inviperiti contro il dirigente. Anche la politica reagisce

Caso presepe, parlano i genitori. La decisione del dirigente dell’elementare Anna Frank Piero Bottale di bandire il presepe dagli spazi comuni della scuola e soprattutto la motivazione addotta (“favorire l’integrazione”) hanno messo sul piede di guerra i genitori. Sui social network la discussione tiene banco da giorni, e se da un lato qualcuno si schiera con Bottale, ribadendo l’importanza di una scuola laica, i commenti sdegnati non si contano. Eliminare la Natività, per molti, rappresenta un’attacco alla tradizione culturale italiana, prima ancora che alla religione.

 

 

“Siamo tutti inviperiti – riferisce L.B., mamma di un bimbo di seconda – Trovo ridicola e assurda l’idea che un presepe possa offendere qualcuno. Inoltre problema lo creano gli adulti, nessuno dei bambini si può sentire offeso”. Le fa eco A.C., anche lei mamma di un bimbo di seconda. “Io sono ortodossa e noi non facciamo il presepe. Ma vederne uno a scuola non mi crea proprio nessun problema”.

 

 

Bottale ha spiegato che la decisione è stata presa per motivi di sicurezza (gli arredi ingombranti rischiano di cadere addosso ai bambini), di organizzazione (durante le vacanze la scuola verrà ritinteggiata) e di rispetto delle culture altrui. Ma C.A. , mamma di due bimbi di prima e di quarta, protesta. “Il presepe nell’atrio c’è sempre stato, almeno fino a un paio di anni fa. E non ha mai dato fastidio a nessuno”.

 

I genitori si stanno organizzando per chiedere un consiglio di istituto straordinario. Non solo, anche la politica si sta mobilitando. Il Pd ha chiesto un consiglio comunale straordinario, presentando una mozione che impegna l’amministrazione a invitare tutte le scuole di Leini a esporre il presepe. “La Natività – commenta Gianfranco Brugiafreddo – Oltre ad essere la rappresentazione della nostra millenaria civiltà cristiana e della nostra identità, riveste un ruolo fondamentale per la cultura Italiana e manifesta valori di respiro universale che trascendono il significato religioso e di fede e che è presente nelle varie tradizioni popolari di tutti le città italiane, ivi compresa Leini.  Vietare il presepe o non fare nulla per contrastare queste forme iper-laiciste di imposizione, trincerandosi dietro alla scusante “noi non possiamo intervenire..”, come ha dichiarato il Sindaco Gabriella Leone, non è altro che disconoscere pezzi insostituibili della nostra identità e cultura“.

 

Un’analoga, dura presa di posizione arriva dal gruppo Cambia Leini con noi che in un comunicato definisce il presepe “messaggio di amore e salvezza”. “La decisione del dott. Bottale nulla ha a che vedere con l’integrazione tra culture diverse, ma anzi, il suo atteggiamento insensibile e autoritario (pare che non abbia condiviso la sua scelta con il Consiglio di Circolo), provoca un profondo senso di disagio e divisione in tutta la nostra comunità locale – scrive il gruppo di Renato Pittalis – Ci attendiamo pertanto che l’Amministrazione Comunale,che probabilmente è già a conoscenza della situazione da diversi giorni, si esprima, prendendo una chiara posizione a riguardo”.

 

Insomma, di scintille se ne vedranno ancora. E una dura presa di posizione dovrebbe giungere anche dalla parrocchia, tramite il bollettino parrocchiale di domenica prossima.

 

lorenzobernardi@giornalelavoce.it

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Ospedale Regina Margherita

VENARIA. Avvelena figlio, poi tenta suicidio: madre era depressa

I pianti di suo figlio, il doverlo accudire, le sembravano una responsabilità insormontabile. Per questo …

CASTIGLIONE. Polenta e cinghiale in amicizia con gli alpini di Castiglione

Domenica 10 novembre si è svolto il tradizionale evento d’autunno degli alpini. Nel salone dell’oratorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *