Home / BLOG / LEINI. Bagarre in consiglio comunale sulla vicenda dei buoni pasto

LEINI. Bagarre in consiglio comunale sulla vicenda dei buoni pasto

Tempi duri per l’amministrazione leinicese, costretta ancora una volta a fare i conti con le conseguenze legali legate alla vicenda dei buoni pasto.

Venerdì 9 marzo il consiglio comunale della cittadina dei Provana si è aperto con la discussione sul debito fuori bilancio, in seguito alla sentenza del tribunale di Ivrea che ha accolto il ricorso dei dipendenti. Questi saranno risarciti per un importo di circa 7mila 900 euro. Tante richieste di risarcimento, un’unica conclusione: è il comune di Leini che ci rimette.

Precedentemente accusati di aver usufruito indebitamente dei buoni pasto, i dipendenti comunali coinvolti, dopo anni passati tra scartoffie legali e accuse varie, possono tirare un sospiro di sollievo. Questi avrebbero agito in buona fede, senza aver avuto il sentore di un eventualmente illecito, almeno stando a quanto riportato dal giudice della prima sentenza.

Non abbiamo ancora ricevuto le motivazioni di quest’ultima sentenza – ha commentato il sindaco Gabriella Leone in sede consiliare -. Nella precedente i motivi del risarcimento si riferivano al comportamento in buona fede dei dipendenti, questo debito fuori bilancio verrà inviato alla corte dei conti che valuterà se ci saranno responsabilità o meno da individuare. La corte dei conti farà valutazioni e in base a questa sentenza poi ci muoveremo”.

Sul piede di guerra le minoranze. In particolar modo, il gruppo Pd-Rinasce Leini, che punta il dito sulle modalità utilizzate dal comune.

Non si doveva arrivare a tutto questo, il vostro metodo è scellerato! – ha polemizzato la consigliera Carmela Masi -. Questa questione si doveva risolvere diversamente, non si doveva andare in caserma a denunciare i dipendenti. Questi soldi li dovrebbero pagare il sindaco e l’ex segretario, non i cittadini. Questi sono debiti fuori bilancio che fanno male, sono soldi buttati via”.

Le ha fatto eco il consigliere Gianfranco Brugiafreddo. “A nostro parere non è solo una questione che riguarda la segreteria comunale – ha detto, riferendosi all’allora segretario comunale, che andò a denunciare i presunti illeciti – noi chiediamo le responsabilità politiche della vicenda”.

Altrettanto aspre le critiche sollevate dall’esponente del centrodestra leinicese Silvano Riva.

Riteniamo – ha detto – che si debba procedere con il risarcimento dei dipendenti, con un controllo maggiore però si poteva evitare tutto questo. Stessa solfa l’intervento del capogruppo Pd-Rinasce Leini, Giuseppe Musolino: “Qui diamo i numeri, alla fine paghiamo sempre noi di Leini”. In attesa delle motivazioni della sentenza, la conta dei danni si fa corposa e, dopo quello giuridico, fa spazio il dibattito politico sulla ripartizione delle responsabilità.

Commenti

Blogger: Alberto Mancuso

Alberto Mancuso
La finestra sul mondo

Leggi anche

IVREA. Mattarella, Olivetti unì innovazione e solidarietà sociale

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Sono trascorsi sessant’anni dall’improvvisa …

CIRIÈ. Mercato, ancora polemiche: “Il Comune ci prende in giro”

Non si placano le polemiche degli spuntisti del mercato di Ciriè contro l’Amministrazione comunale in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *