Home / Dai Comuni / LAURIANO. Che gran caos sulla raccolta rifiuti…
raccolta rifiuti
raccolta rifiuti

LAURIANO. Che gran caos sulla raccolta rifiuti…

Che gran caos sulla collina chivassese per la raccolta rifiuti. Mentre a Monteu da Po i commercianti, gli artigiani e i cittadini sono alle prese con un aumento considerevole della Tari, che rischia di far chiudere le poche attività rimaste e di mandare in bolletta chi ha sempre regolarmente pagato le tasse, da Verrua Savoia a Castagneto Po, passando per Brusasco, Cavagnolo, Lauriano, San Sebastiano e Casalborgone, in questi giorni i cittadini devono fare i conti con un’amara sorpresa. Sono infatti arrivati nelle case o stanno arrivando proprio adesso gli ecocalendari 2015. La sorpresa sta nel fatto che, a partire dai primi mesi del 2015, i passaggi periodici relativi alle raccolte differenziate di carta, plastica, vetro e lattine saranno sensibilmente ridotti, passando dall’attuale cadenza bisettimanale ad una cadenza trisettimanale. Anche l’organico, per buona parte dell’anno, verrà raccolto una sola volta a settimana, anziché le due attuali. Il servizio, di contro, garantito dalla società Seta che si occupa della raccolta rifiuti nei Comuni del Consorzio di Bacino 16, pare non sia destinato ad un ridimensionamento dei costi. Dunque, prendete e portate a casa. Non tutti, però, in collina pare siano disposti a digerire in silenzio le scelte di Seta.

A Lauriano, ad esempio, i consiglieri comunali Frediano Dutto ed Adriano Borello, di Nuova Realtà Lauriano e Piazzo, avevano già incalzato l’amministrazione comunale a novembre, con un’interrogazione in cui esprimevano le loro preoccupazioni circa le voci che oggi hanno trovato conferma. La replica del sindaco Matilde Casa, scritta, pare non li abbia proprio soddisfatti.

Una risposta di basso profilo che si preoccupa maggiormente di ‘scaricare’ eventuali colpe agli amministratori precedenti, come se dal 2008 (anno di insediamento dell’attuale Amministrazione) non fossero passati già 6 anni… – scrive Frediano Dutto sul profilo fb di Nuova Realtà Lauriano e Piazzo -. La ‘pessima gestione di Seta’ di cui parla il sindaco nella risposta alla nostra interrogazione e l’altrettanto ‘pessimo controllo da parte degli amministratori comunali che allora sedevano nell’assemblea del Consorzio’ purtroppo è proseguito anche in questi ultimi anni. A ciò poi va aggiunto lo scarsissimo peso politico di cui godono in seno all’assemblea i piccoli Comuni come quello di Lauriano, peso politico dovuto alle ridotte dimensioni dei comuni stessi, ma anche al ridotto peso dei sindaci che mai risulta abbiano intrapreso iniziative propositive mettendosi in relazione fra loro, al fine di raggiungere una massa critica minimamente efficace”.

“Mi sarebbe piaciuto sentire – prosegue – che il nostro sindaco avesse chiesto ai vertici di Seta come il nuovo socio in affari, che è entrato nella società con un cospicuo 49%, intende spendere i denari che i cittadini e le aziende del nostro territorio sono costretti a pagare ogni anno con la tassa sui rifiuti e per conoscere qual è il nuovo piano industriale di Seta. Ma mi sarei anche accontentato di sapere che perlomeno era stato fatto qualche tentativo per ridurre anche la tassazione oltre che i passaggi periodici per le differenziate. Niente di tutto ciò”. Intanto, le sforbiciate al servizio stanno per partire.

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

BRUSASCO. Dana esce dal carcere: sconterà il resto della pena a casa

Esce dal carcere Dana Lauriola, la portavoce del movimento No Tav arrestata il 17 settembre …

VENARIA. Si apre una voragine in via Canale, disagi per il traffico

VENARIA. Si apre una voragine in via Canale, disagi per il traffico. Caos e disagi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *