Home / BLOG / LANZO. “400 anni dalla posa della prima pietra”

LANZO. “400 anni dalla posa della prima pietra”

Nell’ambito del ciclo di incontri “Riscopriamo i tesori di Lanzo”, promossi dal Comitato Ponte del Diavolo, presso la cappella di Loreto sabato 12 maggio si è tenuta la conferenza “400 anni dalla posa della prima pietra”. All’interno del santuario, le cui mura riproducono fedelmente il perimetro della Santa Casa di Nazareth, miracolosamente trasportata dagli angeli nell’anconetano nel dicembre del 1294, sono state ripercorse le tappe salienti della storia della chiesa, eretta nel maggio del 1618 ed inaugurata a ferragosto dello stesso anno. Sergio Papurello ha ripercorso le vicende storiche che portarono i Gesuiti, presenti a Lanzo tra il 1610, su chiamata del nobile Cesare Castagna, e il 1653, a promuovere uno dei culti che ancora oggi riceve il sostegno di oltre mille soci, grazie all’infaticabile attività dell’Abbadia, che nel 1863, ad opera di Giovanni Sperta, prese le redini della gestione dalla Compagnia di San Giuseppe.

Silvia Berton ha illustrato i caratteri architettonici barocchi della semplice, ma preziosa, cappella plebana, mentre Alberto Morella ha posto l’accento sulla Duchessa di Mantova e Monferrato Margherita di Savoia, che fu la promotrice della costruzione e che donò ai lanzesi una statua della madonna nera.

E proprio la storia della statua ha chiuso l’incontro, con il racconto di Giacomino Gisolo, che nel maggio del 1978 fu artefice del suo ritrovamento a Torino, dopo il furto avvenuto dodici mesi prima.

I tesori del santuario sono stato mostrati da Natale Griglione, presidente dell’Abbadia, e dai suoi collaboratori al folto pubblico che ha preso parte all’iniziativa: quadri, argenteria, lapidi, documenti e reliquie hanno preceduto la visita del torrione, altro simbolo di uno dei luoghi più frequentati dai lanzesi e dai valligiani.

Commenti

Blogger: Vitaliano Alessio Stefanoni

Vitaliano Alessio Stefanoni
Dalla città metropolitana

Leggi anche

IVREA. No alla censura, CasaPound imbavaglia la statua di Ettore Perrone

Un bavaglio apposto dai militanti di CasaPound sulla statua di Ettore Perrone nel centro di …

BOLLENGO. Se il cinghiale passeggia tranquillamente nella via centrale del paese

Oramai siamo invasi dai cinghiali. L’alta sera, intorno alle 23, ce n’era una che tranquillamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *