Home / Piemonte / La nave naufragò nel Mar Rosso, la Corte Ue accoglie ricorso
Condanna

La nave naufragò nel Mar Rosso, la Corte Ue accoglie ricorso

Superstiti e famigliari delle vittime del naufragio della nave Al Salam Boccaccio 98, avvenuto in seguito ad un incendio 14 anni fa nel Mar Rosso, possono chiedere un risarcimento al Rina (Registro italiano navale). E’ il parere interlocutorio dell’avvocato generale della Corte di Giustizia Europea, Maciej Szpunar, che ha accolto la posizione delle oltre mille persone assistite dagli avvocati Stefano Bertone e Marco Bona, dello studio Ambrosio&Commodo di Torino. Ora i giudici del Tribunale di Genova dovranno decidere se accettare o meno il parere. La nave Al Salam Boccaccio, in servizio per la Tirrenia sino al 1999 e poi acquistata dalla compagnia saudita di navigazione El Salam Shipping&Trading, battente bandiera panamense, è affondata nel 2006 nel Mar Rosso. Nell’incidente morirono oltre mille persone. Secondo gli avvocati Bertone e Bona, il Rina, che ha ‘seguito’ la nave, avrebbe omesso di controllare l’efficacia dell’impianto antincendio e dello scarico dell’acqua e avrebbe rilasciato certificati e documenti senza adeguate ispezioni a bordo della nave. Il Rina ha chiesto l’immunità giurisdizionale affermando di aver agito con delega della Repubblica di Panama

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LANZO – Riflessioni sulla pandemia dalle Valli di Lanzo

Sono le minoranze più rumorose, lo sappiamo bene, a farsi notare di più in ogni …

Lanzo – Cassa integrazione, sì fino a 18 settimane, ma restano non poche incertezze interpretative

La ripartenza del sistema economico dopo il lungo lockdown stenta a decollare, soprattutto nelle aree …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *