Home / Eventi / IVREA. VITRUM. DALLA SABBIA ALLA LUCE – Scienza, storia e arte del vetro dalla scoperta ai giorni nostri.
VITRUM

IVREA. VITRUM. DALLA SABBIA ALLA LUCE – Scienza, storia e arte del vetro dalla scoperta ai giorni nostri.

In attesa della riapertura del Museo Garda la mostra, allestita fino al prossimo 18 aprile, sarà fruibile attraverso contenuti digitali

Nasce dalla collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Torino la mostra VITRUM. DALLA SABBIA ALLA LUCE – Scienza, storia e arte del vetro dalla scoperta ai giorni nostri. Curata da archeologi e storici dell’arte contemporanea, mira ad approfondire la conoscenza di un materiale affascinante, poco rappresentato nelle collezioni museali, attraverso l’accostamento di reperti archeologici con opere d’arte provenienti da vari contesti, prossimi o lontanissimi nello spazio e nel tempo
Grazie al  contributo della Fondazione Guelpa, della Fondazione CRT e della Regione Piemonte, l’iniziativa vanta l’importante patrocinio di AIHV – Association Internationale pour l’Histoire du Verre, Comitato Nazionale Italiano.
Come dichiara l’Assessore alla Cultura di Ivrea, Costanza Casali: “La mostra Vitrum, grazie al comune denominatore del vetro, ha permesso di realizzare un’esposizione trasversale di grande portata storica e artistica, che dall’archeologia giunge fino all’arte contemporanea. L’allestimento, particolarmente curato, raggiunge pienamente l’obiettivo di coinvolgere il visitatore in un’esperienza immersiva ed emozionale, che affida alla luce e a cromie raffinate e di grande effetto il compito di dare voce e forma al racconto racchiuso nel vetro. L’Amministrazione auspica che la mostra possa essere aperta al pubblico quanto prima, compatibilmente con le normative COVID in corso. Fino ad allora, il museo realizzerà contributi video e modalità di visita on line per permettere al pubblico di ammirare i capolavori della mostra anche in modalità remota”.     

La prima parte della mostra si pone in continuità con la sezione archeologica permanente del Museo, mirando ad arricchirne il panorama sulla vita quotidiana, le produzioni e i commerci dalla preistoria al medioevo grazie all’eccezionale occasione di presentare per la prima volta al pubblico i reperti in vetro rinvenuti nel 2019 nella necropoli di Volpiano, integrati da una scelta di alcuni tra gli oggetti vitrei più significativi delle collezioni museali piemontesi, che consentono di ampliare l’arco cronologico dell’esposizione fino alle soglie del Rinascimento.

Nella seconda sezione, con un salto temporale, ma seguendo il filo delle affinità tecnologiche, è rappresentata la produzione delle vetrerie muranesi del Novecento, attraverso le opere di tre grandi geni artistici: Vittorio Zecchin, Napoleone Martinuzzi e Carlo Scarpa, al quale è oggi possibile attribuire un vaso della collezione Guelpa – Croff.
Chiude la mostra uno sguardo sulla contemporaneità italiana e straniera che, mediante le opere di due artisti giapponesi, istituisce un legame con quattro vetri dipinti, della collezione orientale del Museo, recentemente restaurati.

 

Con la collaborazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Torino

Con il patrocinio
AIHV – Associazione Internazionale pour l’Histoire du Verre, Comitato Nazionale Italiano
Regione Piemonte

Progetto e coordinamento scientifico
Angela Deodato, Paola Mantovani, Stefania Ratto, Sofia Uggè
con la collaborazione Ferruccio Franzoia e Simone Lerma

Direzione e organizzazione
Angela Deodato, Paola Mantovani

Testi
Angela Deodato, Simone Lerma, Paola Mantovani, Alessia Porpiglia,  Stefania Ratto, Lucia Rossetti, Sofia Uggè

Allestimento
P.& P. Italia s.r.l. Moncalieri (TO), Luca Diotto, Paola Mantovani, Alessia Porpiglia

Restauro dei materiali archeologici di Volpiano
Laboratorio di restauro della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Torino (Manuela Faieta, Milena Magnasco, Marco Paolini)

Restauro dei vetri orientali
RestART Conservazione dei beni culturali di Simonetta Capetta, Milano

Disegni ricostruttivi
Eva Reguzzoni, Susanna Salines

Fotografie
Francesco Allegretti, Luigi Baldin, Mariano Dallago, Enrico Fiorese, Giacomo Gallarate, Fabrizio Lava, Giacomo Lovera, Fabio Zonta

Grafica
Raffaele Diomede, Ivrea (TO) e P.& P. Italia s.r.l. Moncalieri (TO)

Comunicazione e promozione
Manzoni 22, Como, Paola Mantovani, Lucia Rossetti

Catalogo
Pezzini Editore, Viareggio (LU)

Trasporti
Fercam S.p.A, Bolzano

Responsabile tecnico per la sicurezza e responsabile dell’agibilità per gli eventi e mostre
Emilio Cagnotti, Torino

Assicurazioni Great Lakes Insurance Se

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Nuovo ospedale di Ivrea. Ricca vs Cambursano: “Nessun colpo di mano…”

Una lettera a tutti i sindaci dell’eporediese e dell’Alto Canavese sulla realizzazione del nuovo ospedale …

SETTIMO. L’Anpi non rinuncia al ricordo per la Giornata della Memoria

È consuetudine che il 27 gennaio, Giorno della memoria, riprendano le iniziative dell’Anpi di Settimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *