Home / Dai Comuni / IVREA. Tognoli colpisce ancora

IVREA. Tognoli colpisce ancora

Sarà che il prossimo consiglio può e deve considerarsi l’ultimo. Sarà che probabilmente voleva finire in bellezza questi cinque anni passati a criticare –  se non proprio tutte “quasi” –  le scelte dell’amministrazione comunale guidata da Carlo Della Pepa. Sarà quel che sarà, fatto sta ed è che il 23 aprile, Alberto Tognoli si presenterà di nuovo in aula con un elenco di interpellanze lungo come la quaresima.

E si comincia con il vecchio edificio ex Artigianelli, ora sede dell’Asl To 4 che versa, almeno dall’esterno nel degrado più totale. “Spetta all’Amministrazione – si chiede Tognoli  esigere una conservazione decorosa  oppure no…?”.

E poi sul chiosco turistico  comparso all’improvviso nella zona di collegamento tra Piazza Freguglia e la rotonda di Porta Vercelli, chiuso di domenica che è un po’ un’assurdità. “Quanto ci è costato – inforca Tognoli – In che modo lo si utilizzerà?”

Dal chiosco al dehor di corso Nigra le cui condizioni igienico-sanitarie da incubo stan creando non poco disagio ai residenti e ai commercianti,                                                    passando dalle panchine di piazza Città spostate, immagazzinate e rimontate in occasione del Carnevale (ma quano ci costa tutto questo?).

E non è ancora finita qui. 

Il dito Alberto Tognoli lo punta anche sui sostegni metallici alla ringhiera del Lungo Dora (“E’ inquietante che tali opere siano state realizzate solo quest’anno, in occasione dello Storico Carnevale”) e, ma non in ultima, sui serramenti guasti, i vetri rotti, le infiltrazioni, l’umidità nei muri, le carenza igienica gli accessi impraticabili  della palestra Falcone…

“Quando saranno predisposti gli interventi necessari a ripristinare le condizioni di  utilizzo decoroso della struttura”, si chiede Tognoli, con il piglio di uno in attesa della solita inconcludente risposta.

Fuochi d’artificio per il gran finale  con il nuovo tribunale. Inaugurato nel novembre del 2016, a distanza di neanche due anni è già da considerarsi vecchio e decrepito, comunque non sufficiente a garantire le esigenze di un popolazione di 560 mila abitanti…
“Sono inadeguati sia gli spazi per l’attività dei Magistrati sia degli utenti – scrive il consigliere comunale scuotendo la testa – Siamo ai limiti della sicurezza….. E peraltro alcuni locali al piano sottotetto si allagano in caso di piogge rendendo inagibili gli uffici sottostanti e la viabilità tutt’intorno è ancora da terminare..”.

Tante domande e pure una richiesta, semplice semplice, cioè un report sull’attività svolta in questi cinque anni dai consiglieri comunali. Un elenco delle presenze e delle assenze, delle mozioni, delle interpellanze e degli emendamenti presentati, il tutto da da pubblicare più in fretta che si può sul sito del Comune.

“E’ sicuramente interesse dei cittadini – spiega Tognoli – sapere chi si è impegnato e chi se n’è fregato. A maggior ragione oggi in occasione delle elezioni per il rinnovo dell’Amministrazione…”

Tognoli chiederà quindi al sindaco di impegnarsi a produrr un rapporto statistico integrativo alla “Relazione di fine Mandato” che identifichi e quantifichi la partecipazione e l’attività di ogni Consigliere Comunale della Città di Ivrea rispetto al proprio ruolo Istituzionale.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

sequestrati alimenti dai carabinieri del Rac

CASTIGLIONE. In auto aveva coca e marijuana, arrestato

Questa mattina a Castiglione Torinese, durante un controllo della circolazione stradale, i carabinieri della compagnia …

IVREA. Zac! e Movicentro: i tempi si allungano

Ci sa tanto che sarà ancora molto lunga, impervia e tempestosa la strada per regolarizzare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *