Home / In provincia di Torino / IVREA. Si è costituito il “Comitato per l’Ospedale di Ivrea e Canavese”
ospedale di Ivrea

IVREA. Si è costituito il “Comitato per l’Ospedale di Ivrea e Canavese”

L’iniziativa nasce da un gruppo di cittadini preoccupati dal continuo depauperamento delle risorse – in termini di Risorse Umane e attrezzature – del nosocomio eporediese.

Agli inizi del mese di giugno è nato a Ivrea Il “Comitato per l’Ospedale di Ivrea e Canavese”.

Promotore, un gruppo di cittadini (Walter Antonietti, Enrico Gillone, Andrea Grammatico, Aldo Maggiotti, Manuel Mantovani, Alessandra Marchesi, Carlotta Marzari, Piera Bernardetta Sciacero, Anna Maria Zanelli) da tempo attenti e sensibili alle sorti della struttura, la quale pare avviata ad un lento declino. Il Comitato si propone perciò di agire secondo due direttrici principali: il pieno recupero funzionale dell’attuale nosocomio e la promozione e l’azione per la costruzione di un nuovo ospedale.

L’articolo 1 dello statuto specifica infatti così azioni e obiettivi:

1) Confrontarsi in termini propositivi, collaborativi e costruttivi con la politica e le amministrazioni locali, con le direzioni dell’Asl TO4 e della struttura ospedaliera di Ivrea, e più in generale con altri interlocutori, per  ripristinare – in termini qualitativi e quantitativi – risorse e livelli prestazionali adeguati al grado di appartenenza dell’Ospedale risolvendo fragilità e carenze  generate dal processo di depauperizzazione che da anni interessa le attrezzature, le prestazioni sanitarie e il personale medico e paramedico per poter garantire l’erogazione con continuità e stabilità di servizi sanitari di eccellenza.

2) Sensibilizzare i cittadini, le associazioni e i soggetti pubblici e privati del territorio coinvolgendoli direttamente e attivamente nel percorso di promozione e realizzazione  di  un nuovo Ospedale di Ivrea e Canavese da realizzare all’interno del territorio compreso nei distretti 4 e 5 dell’ASL TO4.

 D’altra parte, il legame della città di Ivrea e del Canavese con l’Ospedale è da sempre molto stretto: basti ricordare che a finanziare la sua realizzazione negli anni ’50 contribuì la quasi totalità dei dipendenti delle aziende del territorio che devolvettero l’equivalente di un’ora di lavoro al mese; inoltre, altri contributi giunsero dalle aziende stesse, da privati, commercianti, professionisti, scuole: per arrivare all’inaugurazione della struttura avvenuta nel novembre 1956 (Sindaco della città era Adriano Olivetti) che le cronache definirono “l’Ospedale più moderno d’Italia”

 “Intendiamo mettercela tutta e fare del nostromeglio – sottolinea Walter Antonietti, Presidente del Comitato – e accoglieremo con soddisfazione le richieste di adesione da parte di soggetti pubblici e privati che vorranno sostenerci per  la riuscita di questa iniziativa, che lo status di sito UNESCO attribuito di recente a Ivrea, contribuisce a rendere non procrastinabile, affinché l?Ospedale torni ad essere un’eccellenza – sotto il profilo delle Risorse Umane e delle tecnologie – e capace di  dare risposta alle esigenze del territorio in materia di sanità e salute”.

Prossimamente il Comitato renderà noto il programma operativo unitamente alle modalità per l’adesione.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

118 ambulanza

ALA DI STURA. Cercatore di funghi muore nel Torinese, decima vittima dell’estate

Un’altra vittima tra i cercatori di funghi, la decima nel periodo di fine estate in …

Incidente

VILLAFRANCA PIEMONTE. Scontro nel Pinerolese, arrestato automobilista 24enne

E’ stato arrestato dai carabinieri, con l’accusa di omicidio stradale, l’automobilista accusato di avere provocato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *