Home / Torino e Provincia / Ivrea / IVREA. Quale Chiesa, quale Papa. L’ultimo libro di Bettazzi
Monsignor Luigi Bettazzi
Luigi Bettazzi

IVREA. Quale Chiesa, quale Papa. L’ultimo libro di Bettazzi

Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea, figura di riferimento ecclesiale tra le più note nel nostro paese e uno dei due padri conciliari italiani ancora viventi, presenta la sua personale analisi della Chiesa e del papato di Francesco nel suo nuovo libro “Quale Chiesa?

Quale papa?” (Editrice Missionaria Italiana, pp. 128, euro 12,00, da questa settimana in libreria).

Il volume esce in occasione del 50/mo anniversario del Concilio Vaticano II (chiusosi l’8 dicembre 1965) ed è frutto della lunga e feconda esperienza dell’autore. Secondo Bettazzi, la Chiesa non può e non deve essere una cittadella chiusa, isolata e “sotto assedio”, ma una comunità di “comunione” in continua evoluzione, dove i cristiani si devono sentire “missionari in grado di orientare e incoraggiare sempre più ogni essere umano, di qualunque cultura e religione, verso la pienezza del Regno”.

In un excursus storico che parte dagli albori della cristianità, Bettazzi guida il lettore lungo la storia della Chiesa e dei suoi protagonisti, vedendola oggi fortemente “in uscita” e richiamata dal Concilio alla sua “responsabilità” di fronte all’umanità. Fortemente umane sono anche le figure che vengono portate come esempio di questa Chiesa, da mons. Romero a dom Helder Camara, da Giovanni XXIII a Paolo VI, senza dimenticare don Giuseppe Diana, don Pino Puglisi e Massimiliano Kolbe, i cui martirii non possono che offrirsi come un seme di “speranza” alla parte più sofferente della popolazione.

Il loro è l’esempio più eclatante di quel capovolgimento della nozione di gerarchia operato dal Concilio e che oggi si esprime al meglio nella figura e nel ministero di papa Francesco. La sua consapevolezza di una Chiesa che deve “essere chiamata, come Gesù, a evangelizzare i poveri” emerge anche dai suoi atteggiamenti e dalle sue scelte, nelle quali Bettazzi ritrova quel “Pietro” originario che nei secoli passati si era perso a vantaggio di un ruolo “costantiniano”.

Il papa venuto “dalla fine del mondo”, che privilegia i poveri e le periferie, comprende profondamente, per esperienza e testimonianza, che è lì che si giocherà il futuro della Chiesa.

Secondo l’autore, il monito pastorale di Francesco a “uscire” e a recarsi di questi luoghi, dove nel 2025 risiederà il 60 per cento della popolazione mondiale, rivela una profonda presa di coscienza delle sfide che attendono la Chiesa.

Il libro si chiude con una personale testimonianza dell’esperienza episcopale dell’autore.

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

IVREA. L’appello al sindaco della mamma “free vax”

E non basta lo sciopero della fame. E non basta la fiaccolata di mercoledì scorso …

IVREA. In.Rete: ecco servito il “bluff”. Peller è ancora il presidente?

L’assemblea dei sindaci di In.rete che avrebbe dovuto sancire l’accordo raggiunto con Ivrea per la …

Un commento

  1. Pier Maria Martelli

    Sono ansioso di avere tra le mani l’ultima fatica di un venerabile Pastore che, pur avendo compiuto i 90 anni, ha la freschezza spirituale di un giovane (così rara da trovare anche negli uomini di Chiesa) e si spende integralmente, come si è sempre speso, per Cristo e la Sua Sposa.
    Grazie di tutto, Padre Luigi; noi preghiamo per Lei e Lei preghi sempre per noi.
    Pier Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *