Home / Dai Comuni / IVREA. Paglia: “Su Archivio storico si allontani ogni dubbio…”
Patrizia Paglia

IVREA. Paglia: “Su Archivio storico si allontani ogni dubbio…”

L’Archivio Storico Olivetti a tutti gli effetti può essere considerato un bene della nostra comunità. Esso è nello stesso tempo il passato, il presente e il futuro di una esperienza economica e sociale che non ha avuto uguali al mondo, nata a Ivrea e profondamente ancorata al nostro territorio in un rapporto forte e indissolubile.

Non abbiamo mai dubitato della volontà del Gruppo Tim di trovare una soluzione ottimale sulla nuova collocazione della sede dell’Archivio Storico a Ivrea”, afferma Patrizia Paglia, Presidente di Confindustria Canavese. “TIM ci ha assicurato che la volontà del Gruppo è assolutamente quella di continuare a investire sul territorio e collaborare alla rinascita economica del Canavese. Lo dimostrano le tante progettualità messe in campo fino a oggi a partire dal trasferimento del quartier generale di Olivetti all’interno dell’ex centro studi ed esperienze di Ivrea, edificio che è stato oggetto di un’importante opera di ristrutturazione e che ha permesso di restituire alla città di Ivrea un luogo simbolo della storia Olivetti”   La presidente aggiunge: “TIM è assolutamente consapevole del fatto che la Olivetti ha lasciato un’impronta indelebile a Ivrea e nel Canavese e il patrimonio contenuto nell’Archivio Olivetti non può che essere a Ivrea, perché la Olivetti e Ivrea sono due realtà inscindibili. Pertanto, credo che tutti i dubbi circa un eventuale trasferimento debbano essere immediatamente fugati e sia necessario riporre piena fiducia nel Gruppo Tim nell’attesa che venga definita la nuova ubicazione e vengano avviate tutte le attività necessarie per fare tornare a Ivrea il materiale archivistico che, per mere ragioni di spazio, oggi è custodito altrove”.

Siamo convinti che un trasferimento di sede debba essere visto come un’opportunità positiva, un’occasione che riflette appieno il pensiero di Adriano Olivetti il cui sguardo era costantemente rivolto al futuro, al progresso, all’evoluzione continua. Una sede più moderna, più ampia, più adatta ad accogliere i visitatori non potrà che dare ancora maggiore rilievo al patrimonio storico e culturale della storia Olivetti e, nello stesso tempo, sarà un modo eccellente per onorare la memoria di Adriano.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Covid e post Covid raccontati da alcune realtà commerciali alimentari locali

I negozi di generi alimentari sono stati fra i pochi a poter rimanere aperti durante …

Che forma ha la tua città?

Questo blog si chiama Forma Urbis. Forma Urbis Romae è una antica mappa di Roma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *