Home / Dai Comuni / IVREA. Occhio a non inciampare sulla passerella..

IVREA. Occhio a non inciampare sulla passerella..

Da quando è stata inaugurata, nel 2013, è stata un nugolo di polemiche. Prima, a pochi giorni dal taglio del nastro, l’ascensore per i disabili era già in tilt e sul tavolo del Consiglio comunale si accumulavano le interrogazioni della minoranza. Poi si è aggiunta la puzza, nel corso di questa estate, dovuta al caldo torrido, e derivante dagli scarichi infernali che finiscono direttamente in Dora perché la città dell’informatica nemmeno possiede ancora un depuratore. Senza contare, poi, gli svariati difetti di costruzione che oramai stanno venendo a galla. Dalle assi in legno che sporgono e cominciano a staccarsi. Fino ad alcuni ultimi eventi. Chiaro che la passerella sia stata costruita soprattutto secondo criteri estetici, badando (paradossalmente visti i soldi spesi…) al risparmio, e trascurando la sicurezza. Già, perché, in questi giorni, chi ha transitato lungo il percorso che congiunge Piazza Balla all’ex area Montefibre, si è accorto che alcune barre d’acciaio posizionate orizzontale, sono sganciate. Anzichè averle saldate all’estremità, o avvitarle, la ditta costruttive le ha soltanto infilate dentro un foro. Così, appena qualcuno ci ha messo un piede sopra, la barra è uscita fuori. In diversi punti della parete di cinta i pezzi sono caduti uno sull’altro, lasciando scoperto il ponte. Il rischio è che un bambino, od anche un adulto, possano finire col farsi male o magari persino ribaltarsi in Dora. “Sarebbe il caso – commentano molti passanti – che il Comune venisse a dare un’occhiata e si muovesse per mettere in sicurezza il manufatto prima che possa capitare qualche incidente”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

RIVARA. “Data Officine” promuove la rassegna “Cinema d’Impresa all’aperto”

Data Officine, storica azienda familiare di Rivara attiva nel Canavese sin dagli inizi del Novecento, …

Il sindaco di Saluggia, Firmino Barberis

SALUGGIA. Solo chiacchiere e distintivo (e tanti soldi)

Facciamola tutta, allora, la storia. Firmino Barberis al Comune di Saluggia è stato – nell’ultimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *