Home / Eventi / Altri Eventi / IVREA. Nazieuropa
Nazieuropa

IVREA. Nazieuropa

Per la Giornata della Memoria, auditorium Liceo Gramsci di Ivrea, lunedì 27 gennaio, dalle ore 11, lo spettacolo “Nazieuropa” di e con Beppe Casales. Immagine di locandina di Jessica Borroni. Spettacolo selezionato per il “Festival del teatrale di resistenza 2019” dell’Istituto Cervi, vincitore del bando nazionale “Theatrical mass” di Campo Teatrale – Milano, oltre 50 repliche in tutta Italia

Nazieuropa è uno spettacolo che viaggia su due binari: la parola e le immagini.

Nazieuropa è insieme una lettera a una figlia, e un viaggio che parte dalla Germania degli anni ’30 e arriva fino all’Europa dei confini, del nuovo nazionalismo e del razzismo diffuso.

Nazieuropa è il desiderio di sottrarsi all’indifferenza, di guardare con gli occhi ben aperti e di chiamare le cose con il loro nome.

Nazieuropa è una domanda: che differenza c’è tra la Germania nazista e l’Europa dei nostri giorni?

 

Beppe Casales fa teatro dal 1998. Ha lavorato tra gli altri con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Michela Cescon e Mirko Artuso. Dagli anni 2000 la sua ricerca artistica si concentra sul teatro di narrazione, un teatro popolare. Seguendo una continua ricerca di un linguaggio originale ha messo in scena “Salud”, “Einstein aveva ragione”, “Appunti per la rivoluzione” e “La spremuta – Rosarno, migranti, ‘ndrangheta” (selezionato per il Torino Fringe Festival 2013, vince il premio “LiNUTILE del teatro” 2013, 150 repliche in tutta Italia), “L’albero storto – una storia di trincea”, “SUPERFIABA”, “Welcome” spettacolo patrocinato da Amnesty International Italia.

VIDEO TRAILER DELLO SPETTACOLO:

https://www.youtube.com/watch?v=3BNmbha4WRY&t=2s

 

VIDEO INTERVISTA USCITA SU ILFATTOQUOTIDIANO.IT:

https://www.youtube.com/watch?v=qimuZp22GIE&t=48s

Commenti

Blogger: Mario Beiletti

Mario Beiletti
Oh bella ciao

Leggi anche

Celestino Vietti: “Sono fortunato perché ho la possibilità di inseguire il mio sogno con le moto”

Celestino Vietti è nato a Ciriè nel 2001 ed è il più giovane pilota entrato …

MONTANARO. Lutto per l’alpino Mario Baro, si è spento a soli 63 anni

I papà, quei giganti buoni, dalle spalle grandi e le mani importanti…Sì proprio loro, quelli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *