Home / Dai Comuni / IVREA. L’agenda ritrovata, in ricordo della morte di Paolo Borsellino

IVREA. L’agenda ritrovata, in ricordo della morte di Paolo Borsellino

Partiranno da Ivrea il 16 giugno prossimo gli eventi del prologo della manifestazione «L’agenda ritrovata» per commemorare il venticinquesimo della morte di Paolo Borsellino e della sua scorta.
L’agenda rossa del magistrato Paolo Borsellino è sparita misteriosamente subito dopo l’attentato di stampo mafioso del 19 luglio 1992 in cui perse la vita. Un documento importante che conteneva appunti, nomi e forse rivelazioni sulla strage di Capaci in cui morì Giovanni Falcone.
Che fine avrà fatto? Cosa c’era scritto? Chi ce l’ha? Tutta l’Italia se l’è chiesto e se lo chiede ancora perché a queste domande non sono mai state date risposte.
Il libro rosso viaggerà di regione in regione, testimoniando che c’è un’Italia che non ha dimenticato e che vuole ricordare e raccontare quel che è successo.
Attraverserà lo stivale sulle ruote di una bicicletta, percorrerà terreni scomodi, accidentati e tortuosi e, come un testimone, passerà di mano in mano fino ad arrivare in Sicilia dove ci sarà la tappa conclusiva, il 19 luglio 2017.
Appuntamento venerdì 16 giugno – alle ore 21 – con  Salvatore Borsellino che incontrerà  i cittadini presso la Sala Santa Marta alla presenza delle Istituzioni e del Movimento Agende Rosse di Torino – gruppo “Paolo Borsellino”.
La partenza della ciclostaffetta è prevista il mattino del 17 giugno alle ore 9  da Piazza Ferruccio Nazionale. Alla partenza Salvatore Borsellino con i suoi figli, le Agende Rosse e la storica  società ciclistica U.S. Vigor di Ivrea.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

STRAMBINELLO. Ponte Preti: parte la progettazione di una nuova struttura

Non è in discussione la realizzazione di una nuova struttura che sostituisca il Ponte Preti, …

sequestrati alimenti dai carabinieri del Rac

BORGARO. Usura ed estorsione, arrestato un uomo di 32 anni

Usura ed estorsioni, arrestato un uomo di 32 anni. Si dedicava alle estorsioni e all’usura …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *