Home / Torino e Provincia / Ivrea / IVREA. La Fiera Equina ha dato il nome alla città

IVREA. La Fiera Equina ha dato il nome alla città

La Fiera equina di Ivrea è una delle più importanti del Piemonte, se non dell’intera Italia, ed è una tradizione tipicamente eporediese. Una tradizione che risale, si può dire, ai tempi antichissimi della stessa fondazione di Ivrea.

La Fiera equina si svolgerà domenica 8 luglio, al parco Dora, nell’Arena di San Savino, a partire dalle 8  e si conclude verso le 17 con la premiazione delle razze equine presenti alla Fiera, l’ elezione del “Best in Show” e la premiazione Trofeo Derby Attacchi FISE.

UN PO’ DI STORIA

Il nome antico della città di Ivrea era “Eporedia” e che gli abitanti della città ancora oggi vengono chiamati Eporediesi.

Secondo alcuni autori antichi e moderni, il nome “Eporedia”, dato al primitivo villaggio gallico sorto a ridosso del ponte della Dora, significava “Stazione di cambio dei cavalli”; quindi, grazie soprattutto alla dislocazione geografica, la città divenne località di sosta e di rifornimento per quadrupedi e viaggiatori.

La romana Eporedia infatti era situata sulla strada delle Gallie, che proveniva da Piacenza – Vercelli e risaliva la valle della Dora per raggiungere Augusta Praetoria, cioè Aosta. Lungo la strada delle Gallie si svolgeva un traffico intensissimo di carovane commerciali e di convogli militari; secondo lo storico Perinetti, che a sua volta cita il Benvenuti, ad Eporedia esisteva una specie di accademia militare in cui i giovani chiamati alle armi venivano addestrati al maneggio dei cavalli ed alla guida di cavalli e carri.

Un tempo la Fiera equina era un mercato: i commercianti si recavano in Fiera per vendere i loro soggetti e venivano stipulati dei veri e propri contratti tra venditore ed acquirente basati su teatrali scambi di battute, simpatici gesti e strette di mano che indicavano l’avvenuto raggiungimento dell’accordo. A volte era una transazione finanziaria a volte un semplice baratto. La Fiera era poi contornata  dalle numerose attività artigianali connesse all’impiego dei cavalli nei lavori della terra e dei trasporti: maniscalchi, sellai e carradori.

Poi i tempi sono cambiati, i cavalli hanno ceduto a poco a poco il posto alle automobili. Ivrea ha tuttavia conservato una grande passione per questi soggetti, legata principalmente ai due eventi tra i più importanti della città: il Carnevale e la Fiera Cavalli. Inoltre, nelle zone circostanti lo sport equestre è molto diffuso, grazie al paziente lavoro di maneggi e scuole di equitazione che richiamano molti appassionati fra cui parecchi giovani e giovanissimi.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Piazza Ottinetti

IVREA. Semplicità

Tra le attività virtuose che dovrebbero caratterizzare la politica, tra le quali ricordiamo costantemente: trasparenza, …

IVREA. L’appello a Elena Chiorino dei dipendenti dell’ex Cic oggi Csp

Un appello all’assessore regionale al lavoro Elena Chiorino. Lo stanno lanciando in queste ore i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *