Home / BLOG / IVREA. l consiglio sfiducia Sertoli e tutto il cda della Guelpa
Stefano Sertoli ivrea
Stefano Sertoli, sindaco di Ivrea

IVREA. l consiglio sfiducia Sertoli e tutto il cda della Guelpa

Incredibile ma vero! Nel venerdì di Pasqua (altro che Risurrezione) il consiglio comunale riunitosi a porte chiuse, con 9 voti a favore (Lega, Viviamo Ivrea e Movimento 5 Stelle) e 7 contro (Pd, Forza Ivrea e Insieme per Sertoli) ha votato la sfiducia al sindaco e al consiglio di amministrazione della Fondazione Guelpa o, se si preferisce, di quel che resta dopo le dimissioni del presidente Luca Beatrice. 

Insomma s’è consumato un contropiede che rimarrà nella storia e, ad evitare l’autogol, a nulla è servito il contrasto del sindaco, del presidente del consiglio Diego Borla e dello stesso segretario comunale Barbaro Capo. Disperati. Imbambolati. Piegati in due.

Nel testo, preparato da Francesco Comotto e giunto inaspettatamente sul tavolo della conferenza dei capigruppo, si è discusso tanto (dalle 19,30 fino alle 20,30), così tanto da mandare in delirio una trentina di persone lasciate praticamente “a marcire” sui gradini delle scale che dal piano terra del palazzo municipale portano alla sala del consiglio. Nessuno ha detto loro che i tempi si allungavano. Nessuno s’è degnato di chiedere scusa, neanche il sindaco, che anzi, in apertura dei lavori (a porte aperte) s’è pure scontrato con la cittadina Rita Munari. “Noi stavamo lavorando, non ci stavamo divertendo….”. E Munari, che era entrata battendo le mani in segno di scherno: “Tu ti sei candidato e io no..?”. Insomma: è finito l’idillio, sempre che fosse mai cominciato.

Dicevamo di una “mozione bis” inaspettata, preparata in fretta e furia poche ore prima, non foss’altro che nei giorni precedenti si era capito fin troppo bene che l’altra mozione, quella per intenderci in cui si chiedeva la “revoca e la sostituzione dei consiglieri”, in base ad un articolo dello statuto della Fondazione, non sarebbe passata nonostante la firma in calce di 4 capigruppo (Marco Neri per la Lega, Massimo Fresc per i cinquestelle, Donato Malpede per lista Ballurio e Francesco Comotto). Come da previsione quando è stata l’ora di votarla qualcuno della Lega si è astenuto assecondando così l’ordine di scuderia: “Guai a far cadere un sindaco proprio a ridosso delle elezioni”.

E adesso che si fa? Stando ai tam tam, almeno per il momento, i consiglieri di amministrazione della Guelpa (Tereza Skurzak, Marco Liore, Franca Vallino e Alfredo Boni) faranno  i pesci nel barile. Faranno finta cioè di non avere capito o di non avere letta. Allo stesso modo si stan comportando il sindaco e il presidente del consiglio, con una caduta di stile nelle comunicazioni all’esterno che fa venire la pelle d’oca. Tant’è!

E dire che, in svariate riunioni, era proprio la “sfiducia” quel che s’era chiesta a viva voce.  “Basta che me lo diciate e io faccio un passo indietro…” aveva dichiarato Marco Liore.

Adesso che gliel’hanno chiesta, si dice in attesa del parere legale sull’operazione Mozart, deliberato dal cda di Guelpa, guarda un po’ te, poche ore prima del consiglio.

Ma non è tutto. Sempre in questi giorni, piano piano, quatto quatto, il sindaco ha emanato il bando, scadenza 9 maggio, per la ricerca di un nuovo presidente “con comprovata competenza organizzativa e gestionale”.

Insomma un capitolo non s’è ancora chiuso e ne resta aperto anche un altro, tutto politico, di un Sertoli che non ha più una maggioranza, non ne ha a disposizione una in alternativa (troppo pochi i 4 consiglieri del Pd), ma tutto sommato non gliene importa un fico secco, felice come una Pasqua com’è di poter continuare a fare la parte dello sprovveduto e dell’incapace…

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

Mauro Salizzoni

Salizzoni candidato sindaco a Torino con l’appoggio di Chiamparino

Sarà anche solo un’idea ma sembra davvero una gran bella idea. Candidare a sindaco Mauro …

giuliano balzola

IVREA. Trasporti. Giuliano Balzola: non pervenuto… Però…

In un comunicato diffuso nei giorni scorsi l’assessore Giuliano Balzola da Crescentino ha fatto sapere …

Un commento

  1. Avatar
    Agostino Nigretti

    Il voto serve solo ai politici per spacciarsi democratici, però nella realtà vota chi vuoi è sempre la stessa musica con suonatori diversi. Proprio per questa realtà sostengono gli sbarchi quotidiani carichi di clandestini quotidiani portati dalle Onlus, dalla Marina e proteggono con tutti i mezzi i clandestini, spacciatori, stupratori , zingari. Nella vita non si deve credere a niente, i teatrini politici recitati dal governo legittimo spacciato del cambiamento, ci conferma nella realtà che è un governo calma popolino credulone “Bue-Pecora”. Italia sede strategica militare e politica della globalizzazione governata dalla dittatura UE-NATO. Intervengono con tutti e mezzi usando la loro Potenza “Bilderbeg, Trilateral, Gruppo dei 30, American Commitetee for European Unity” gestori del vero Dio usando la micidiale Spada Spread per proseguire la campagna pubblicitaria denigratoria contro Salvini e giustificare un nuovo governo imposto con Tajani o Draghi per salvare la filosofia cattocomunista & radical chic ammazza italiani per invadere la colonia Italia di clandestini e zingari e salvare il guerrafondaio pachiderma parassita UE-NATO con parole e frasi magiche: “Omofobo, Xenofobo, Mafia, Razzista, Fascista, Ecc.”. Salvini viene usato per far sbollire il popolo dalla rabbia, però chi comanda è Mattarella con Conti e suoi ministri imposti, i quali intervengono con tutta la loro autorità a far riaprire i porti e proteggere il cardinale che con grande spettacolo teatrale recitato sul pietismo ha rotto i sigilli dei contatori infrangendo la legge usando bambini come simbolo per commuovere il popolino credulone. Ormai solo una vera guerra porterà tutti con i piedi per terra, però non sia come le guerre sotto copertura Missioni dii Pace e quella teatrale libica che serve solo a giustificare la partenza dei clandestini e per far fare bella figura ai parlamentari incollati sugli alti scranni del potere. L’unico Dio esistente è quello gestito dai padroni del mondo: “America Inghilterra Vaticano Israele’ e Cristo un simbolo umano usato dal Vaticano per ipnotizzare i creduloni tramite gli effimeri allucinogeni valori del Vangelo, i veri valori da seguire e applicare sono quelli insegnati con i fatti dal Papa con certi Prelati, dai politici e dalla Giustizia gestita dal CSM spartito politicamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *