Home / BLOG / IVREA. Ennesima bomba sulla Guelpa. Vallino scrive al sindaco e al presidente
vallino Franca

IVREA. Ennesima bomba sulla Guelpa. Vallino scrive al sindaco e al presidente

Ennesima bomba sulla Fondazione Guelpa. A tirarla è Franca Vallino, uno dei nuovi consiglieri di amministrazione nominata su indicazione delle opposizioni. Incollata allo stoppino, uno lettera del 18 febbraio scorso, inviata al sindaco Stefano Sertoli, al presidente del consiglio Diego Borla e, per conoscenza, a tutti i capigruppo.

Motivo? Il presidente non la ascolta. Lei chiede informazioni e lui non le risponde. I rapporti si sarebbero completamente sfasciati dopo il suo voto contrario all’acquisto di due quote, pari a un valore di 50 mila euro, della società Mozart srl Benefit (deliberato dal cda del 23 gennaio) avrebbe ricevuto in risposta dal presidente Luca Beatrice una serie di email con le quali le sarebbe stato suggerito di dimettersi (“…se un consigliere non è d’accordo con le decisioni prese e se tali decisioni sono radicalmente contrastanti con le sue convinzioni dovrebbe rassegnare le sue dimissioni”). S’aggiungono altre considerazioni  personali su di una intervista rilasciata a La Voce per una presunta ricerca di visibilità.

A fare traboccare il vaso, infine, la richiesta di convocazione di un cda per il giorno di San Valentino con una email priva dell’ordine del giorno e dei verbali della seduta precedente. Quando Franca Vallino l’ha vista ha subito messo le mani avanti e non s’è presentata. “Col cavolo che ci vado….” sembra quasi di sentila.

Anche in questo caso la reazione di  Luca Beatrice non si sarebbe fatta attendere.  

“Provo a spiegare con parole semplici – le avrebbe risposto – Aldilà  dei regolamenti di condominio, operazioni di bassa politica, peraltro eterodiretti, tentativi di mettere in rissa…. cara Vallino, tu fai come credi, il cda resta convocato e per favore porta rispetto per le persone che lavorano con noi…”.

Insomma non se ne esce.

Al centro del contendere resta Mozart srl Benefit, la società nata (grazie al fundraising “Adotta una nota”) su iniziativa di Piero Getto, Mario Gaiardo, Gianni Desiderio, Carla Borga e Gianni Monte (fondatore del liceo musicale) per la gestione dello stabile di corso Massimo (circa duemila metri quadrati Auditorium compreso) e la realizzazione di tutti quei lavori di manutenzione necessari a consentirne l’agibilità . 

Con la “colletta” si era puntato a raccogliere 500 mila euro e non sappiamo se la cifra sia stata raggiunta. Quel che si sa è che l’edificio è stato acquistato, ristrutturato e poi ceduto in comodato d’uso alle associazioni che già  lo utilizzavano. E parliamo del liceo musicale, della Scuola di Danza, della Scuola di Teatro, della Cittadella della Musica e della Cultura, dell’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte e il Coro Mozart.

Quel che a Franca Vallino non va giù – ed è per questo che ha votato contro – è l’assenza di un parere legale che giustifichi l’operazione.

“Nel corso del cda – puntualizza nero su bianco  non sarebbe stata esaminata alcuna documentazione” e neanche l’esposizione bancaria con l’Istituto d’Alba di 250 mila euro con relativa iscrizione di ipoteca per 500 mila in virtù di un mutuo contratto per l’acquisto dell’ l’Auditorium.

Il cda, inoltre, secondo Vallino, non avrebbe mai avuto la piena consapevolezza che Mozart ha acquisito la nuda proprietà dell’immobile in cui si trova l’Auditorium e quindi non è con Mozart che in futuro ci si potrà convenzionare per l’utilizzo del spazi. Lo si potrà fare al massimo con l’Usufruttuario, cioè con il Liceo Musicale.

Insomma una mera operazione immobiliare.

La sua impressione? 

Che La delibera dovesse essere assunta a prescindere da qualsiasi reale confronto… 

E questo perché, a detta di Beatrice, l’Amministrazione pubblica “già si era spesa affinché l’operazione venisse effettuata…!”.

Le reazioni

Francesco Comotto di Viviamo Ivrea ha immediatamente chiesto la convocazione di una conferenza dei capigruppo. 

Maurizio Perinetti del Pd ci ha subito tenuto a marcare le differenze. “Giusto aiutare il Liceo, ma non con tutte queste forzature. Non condivido i modi e bene ha fatto Vallino a informare il consiglio comunale…”

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

IVREA. Si ripete ‘Natale sicuro’ contro furti e truffe

La polizia di Ivrea riproporrà nel corso delle festività natalizie il progetto ‘Natale sicuro’: un …

SAN MAURO. Trasporti: Bus Company inaugura hub

Bus Company, operatore del trasporto pubblico regionale, che gestisce alcune tratte internazionali attraverso la piattaforma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *