Home / BLOG / IVREA. E’ mancato Giovanni Novo. “Ciao Nino”
funerali
funerali

IVREA. E’ mancato Giovanni Novo. “Ciao Nino”

Con grande dolore apprendiamo che è mancato a quasi 92 anni Giovanni Novo, un uomo da tutti conosciuto e stimato. Fu Partigiano giovanissimo, col nome di battaglia “Nino”, dal 30 gennaio 1944, nella Banda “Mongo”, e poi nella “Matteotti”, Divisione “Cattaneo” sino al termine della guerra.

Giovanni Novo

Impegnatissimo nel Sindacato, lo abbiamo apprezzato già nella Commissione Interna CGIL dell’Olivetti, di cui rappresentò il Sindacalista per eccellenza. Ancora sino a due anni fa lo si poteva incontrare allo sportello sindacale, sempre pronto a dialogare con tutti. Anni trascorsi pienamente, i suoi, di grande esperienza, maturità e impegno solidale.

Siamo onorati di averlo conosciuto. Novo è stato un Padre nobile della Città. Stavamo preparando un’intervista con lui per il progetto di anagrafe filmata dei Partigiani ancora viventi, per il giornalista Gad Lerner. Per pochi giorni non sarà più possibile realizzarla. Resterà comunque, per sempre, il nostro “Novo”.

A suo figlio Roberto, alla famiglia, un grande abbraccio, le più sentite condoglianze da parte degli Iscritti Anpi, del Direttivo e mio personale, nonché dell’Anpi provinciale di Torino e Regionale Piemonte.

Sarà possibile salutare Giovanni presso la Camera ardente dell’Ospedale di Ivrea. Il Rosario sarà recitato domani, venerdì 14 febbraio 2020, alle ore 19, nella Chiesa di San Lorenzo. Il funerale si terrà sabato 15, sempre nella Chiesa di San Lorenzo, alle ore 9,30.

Ciao, “Nino”, sarai sempre con noi. Ora il tuo nome appartiene agli Eroi che ci dettero la Libertà.

presa di Alba

Ad integrazione delle prime notizie sulla scomparsa di Giovanni Novo, il figlio Roberto ci invia una biografia del padre che pubblichiamo. Essa attesta il grande ruolo che ebbe Giovanni nella vita pubblica.

“Giovanissimo partigiano nelle Langhe e Roero, prima con gli Autonomi di Mauri e poi con le Brigate Matteotti. Compagno di Renzo Cattaneo, fucilato dai fascisti a 16 anni, dopo la sua fucilazione, la Divisione a cui apparteneva “Nino”, prese il nome “Renzo Cattaneo”.

Ha partecipato, tra l’altro, alla presa di Alba con la proclamazione della Repubblica, alla battaglia di Cisterna, alla liberazione di Torino.  Finita la guerra si trasferì prima a Milano e poi a Bologna per studiare presso la Scuola ex Partigiani e Reduci.

Nel 1946 insieme ad altri ex partigiani e a Pietro Nenni si traferì per un periodo a Varsavia per la rimozione delle macerie della città, devastata dai nazisti; a coloro che parteciparono alla impresa, fu conferita, come a “Nino”, la Cittadinanza Onoraria di Varsavia. Rientrato in Italia, nel 1948, fu nominato Segretario Aggiunto della Camera del Lavoro-CGIL, collaborando in quegli anni con Marisa Ombra, già Vice Presidente Anpi. Nel 1953 viene trasferito ad Ivrea, ove assumerà l’incarico di Segretario della Camera del Lavoro – CGIL per circa trent’anni. Fu negli anni 50/60 Consigliere e Capo Gruppo Socialista in Comune di Ivrea. Fu nominato Cavaliere della Repubblica dal Presidente Pertini.” Grazie a Roberto per aver inviato la bellissima storia di suo Padre.

Confermiamo che il funerale sarà alle 09,30 di sabato prossimo presso la Chiesa di San Lorenzo in Ivrea. Alle condoglianze degli Iscritti Anpi, del Direttivo e mio personale, nonché dell’Anpi provinciale di Torino e Regionale Piemonte, si sono aggiunte ora quelle del Comitato Provinciale dell’Anpi di Biella.

Commenti

Blogger: Mario Beiletti

Mario Beiletti
Oh bella ciao

Leggi anche

CIRIÈ. Al via il progetto per l’alloggio solidale femminile

Il primo progetto di “Alloggio solidale”, destinato a soggetti di sesso maschile, nacque a Ciriè  …

Roberto Bonome, consigliere Lega di Rivarolo

RIVAROLO. Sottopasso, Bonome: “Non bisognava aspettare il morto”

Una ferita aperta nel cuore dei canavesani la morte di Guido Zabena, operaio di Favria …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *