Home / BLOG / IVREA. Don Luigi Tessitore (1863-1949): professore, poeta e cappellano all’ospedale civile

IVREA. Don Luigi Tessitore (1863-1949): professore, poeta e cappellano all’ospedale civile

Nato a Montalenghe il 19 marzo del 1863, don Luigi Tessitore dopo l’ordinazione sacerdotale ad Ivrea fu dapprima vice-parroco a Strambino, per essere poi nominato cappellano all’Ospedale civile di Ivrea, incarico che tenne per 56 anni, essendo nel contempo anche professore di matematica ed algebra in Seminario (per 43 anni). Morì ad Ivrea il 13 dicembre del 1949).

Non molte le notizie biografiche di una vita tutto sommato tranquilla e senza grandi scosse, pur attraverso due guerre mondiali e cambiamenti anche radicali nel modo di pensare e di vivere, alcuni dei quali cambiamenti, vedremo, egli puntualmente registrava nelle sue poesie piemontesi. Della sua figura ricordava ancora vari aspetti, fisici e psicologici, il compianto don Ilo Vignono, già responsabile della Biblioteca Diocesana di Ivrea, che era stato suo allievo in Seminario.

E proprio alla Biblioteca Diocesana eporediese sono conservate le opere manoscritte di don Tessitore, che in vita pubblicò alcuni interessanti libri sia di devozione (Vangelini per tutte le domeniche dell’anno; Torino, Marietti, 1919) che di matematica (Teoria e pratica delle equazioni di primo e secondo grado; Tip. Emiliana, 1910), ma scrisse anche moltissime poesie, sia in italiano (ed anche una in latino maccheronico…) che in piemontese, di cui venne pubblicata una percentuale pressoché insignificante, mentre la maggior parte del suo corpus poetico è custodito appunto nella Diocesana. Si tratta di 5 quaderni di poesie (le prime sono datate 1884/85 e le ultime 1949, cioè pochi mesi prima della morte) contenenti 171 poesie, di cui 93 in piemontese, tra cui la traduzione di due passi della Commedia di Dante (l’episodio di Paolo e Francesca del canto V dell’Inferno e integralmente il canto X, sempre dell’Inferno) e di tre canzoni (due italiane ed una napoletana). A questi dovrebbero aggiungersi, secondo le fonti, due quaderni di prediche in piemontese (datate 1895-1901), ma che purtroppo risultano al momento introvabili.

La scansione delle opere è la seguente: il quaderno 1 (con la data 1888/89, ma, come detto, contenente anche poesie anteriori) contiene 20 poesie (di cui 5 piemontesi), il 2° (1889/90), con 22 poesie (6 piemontesi), il 3° (1890/91) con 18 poesie (7 piemontesi, di cui 2 sono però traduzioni), il 4° (1914/49), con 44 poesie (29 piemontesi più i due passi della Commedia dantesca di cui già abbiamo parlato) e il 5° (1892/1914), con 65 poesie (44 piemontesi 44, di cui una traduzione). Le poesie pubblicate, 9 in totale, sono apparse (alcune anonime, altre con lo pseudonimo di Luis Cherubin) su “Il Pensiero del Popolo” (giornale cattolico-clericale eporediese) tra il 1896 e il 1912 (in due rubriche intitolate, una, “Da ’n val an gorbela” e, l’altra, “Schizzi e frizzi”).

Quali sono gli argomenti di queste poesie e quanto valgono in termini letterari ed artistici?

Innanzitutto bisogna dire che circa la metà delle sue composizioni sono testi d’occasione, scritti (o in prima persona o su richiesta di qualche amico) per le situazioni classiche di questo genere di poesia (battesimi, matrimoni, compleanni, onorificenze, nozze d’argento e d’oro, ma soprattutto giubilei sacerdotali e primi ingressi in parrocchie) oppure autobiografici e dedicati ad amici, parenti e, talvolta, ad ex allievi; per il resto abbiamo un gruppo di componimenti che potremmo definire genericamente satirici, di epoche e di valore differente, di argomento politico, civile e sociale: sono questi i testi che mostrano un qualche interesse per la definizione del nostro personaggio, che appare su posizioni decisamente conservatrici (si oppone, ovviamente, al socialismo, agli scioperi, al femminismo, alla massoneria), ma che talora presenta aspetti di novità, come nella poesia La quaja e la crivela, in cui difende le donne da coloro che, con la scusa del favorirne l’emancipazione, le tengono invece sotto il loro potere.

La lingua usata è quella piemontese letteraria (la cosiddetta koinè, che doveva a quei tempi essere anche quella parlata quotidianamente ad Ivrea dalle persone di media cultura), pur con qualche elemento, ogni tanto, tipicamente canavesano.

Ecco alcuni esempi delle (almeno a mio giudizio) migliori poesie del Tessitore: ’L codin ’d Giandoja, canzonetta iniziata, per affermazione dell’autore stesso, verso il 1884/85 e poi ripresa e definita nel 1890: sarebbe dunque una delle prime sue composizioni, che riprende il tema classico del codino come segno non di conservatorismo, ma di autonomia di giudizio e di pensiero (cfr. anche un sonetto di don Bosco, sullo stesso tema, scritto prima del 1861); J’ùltime elession (1899), sonetto caudato di satira politica; La giacculò (1911), un testo di satira di costume nei confronti del modo di vestire di certe donne “alla maschietta” (le Jupe-culottes erano gonne-pantalone, con sottane che, all’altezza del ginocchio, si dividevano in larghe brache tenute alle caviglie da nastri e fronzoli; furono ideate nel 1911 e comparvero a Parigi nel febbraio, a Milano a marzo); Ij pipì, scritta nel 1920 a ricordo del 2° Congresso del Partito Popolare (Napoli, aprile 1920), fondato nel gennaio del 1919: è un testo di satira politica contro liberali, massoni e socialisti.

Òh bosaron!/ Òh sach ’d papé!/ Tasì, birbon;/ Lasseme sté!// Còs veul-lo dì/ Sto possoné?/ J’avì capì?/ Feve andaré!// Òh vardé ’mpòch/ Che birichin!/ S’i pijo ’n tòch/ ’V dagh mi ’l codin!// Già! Voi adess/ I’l lo pòrte pì:/ Ël vòst progress/ A’l l’ha abolì.// E sto codin/ L’é ’l paragon/ D’un pòvr tupin,/ ’D n’ignoranton.// Ma l’ignoransa,/ Giurapapé,/ Con cost’usansa/ Còs l’ha da fé?// Ij nòsti bon/ A’l l’han portà:/ J’er-ne ’d mincion?/ J’er-ne bagnà?// E ’l nòst piovan/ (Ch’a deurma an pas!)/ L’er-lo ’n bagian?/ L’er-lo ’n bambas?// E col mëndich/ Dël nòst dotor/ Er-lo ’n borich/ O n’òm d’onor?// L’er-lo ignorant/ L’avocatin?/ E tuti antant/ L’avìo ’l codin!// I parle pì,/Ò farinej?/ Sù, rëspondì:/ J’er-ne d’osej?// Për qual rason/ Donque ’l codin/ I pije an canson,/ Ò birichin?// Scoteme mi:/ Imité ij vej,/ E peui vëdrì/ Che tut va mej!// E antant, giovnòt,/ Nojeme pì:/ Pijeve ’l fagòt/ E via, bondì!

[Oh furfanti!/ Oh sacchi di cartaccia!/ Tacete, birboni,/ Lasciatemi stare!// Cosa significa/ Questo spintonare?/ Avete capito?/ Fatevi indietro!// Oh guardate un po’/ Che birichini!/ Se prendo un bastone/ Vi do io il codino!// Già! Voi adess/ Non lo portate più:/ Il vostro progresso/ Lo ha abolito.// E questo codino/ lll. È il simbolo/ Di un povero babbeo,/ Di un ignorantone.// Ma l’ignoranza,/ Vivaddio,/ Con questa usanza/ Cosa c’entra?// I nostri antenati/ Lo portavano:/ Erano forse dei minchioni?/ Erano idioti?// E il nostro piovano/ (Che riposi in pace!)/ Era forse un baggiano?/ Era un imbecille?// E quel poveretto/ Del nostro dottore/ Era forse un asino/ O un uomo d’onore?// Era forse un ignorante/ L’avvocatino?/ E tutti intanto/ Avevano il codino!// Non parlate più,/ O birbantelli?/ Su, rispondete:/ Erano forse degli stupidi?// Per quale ragione/ Dunque il codino/ Prendete in giro,/ O birichini?// Ascoltate me:/ Imitate i vecchi,/ E poi vedrete/ Che tutto va meglio!// E intanto, giovanotti,/ Non annoiatemi più:/ Prendetevi il fagotto/ E via, buondì!]

Ij socialista a marcio… rataplan,/ Ij liberaj a casco… dirindin:/ Ij liberaj a son rivà a la fin,/ E ij socialista a son padron doman.// Parèj a diso j’elession ’d Milan,/ E a lo confermo j’elession ’d Turin;/ E lò che tanti un di a chërdìo nin,/ Adess a’l peulo ben toché con man.// A piora ’l Goern, i lo savoma ben,/ E a pioro d’àutri ’dcò… ben con rason:/ Ma ’d lolì noi is maravijoma nen.// Ch’a smija còsa giusta për dabon/ Che coj ch’a l’han mangià sensa gnun fren/ A meuro al fin crepand d’indigestion.// Ma se sti farabut/ A n’han mangiane tut,/ E a n’han lassane adòss/ Mach pì la pel e j’òss;// Coj-là ch’a ven-o adess/ A faran forse pes,/ Sensa fé tant rabel/ Mangiandne e òss e pel.

[I socialisti marciano… rataplan,/ I liberali cadono… dirindin:/ I liberali son giunti alla fine,/ E i socialisti sono padroni domani.// Così dicono le elezioni di Milano,/ E lo confermano le ele zioni di Torino;/ E ciò che tanti un giorno non credevano,/ Adesso lo possono ben toccare con mano.// Piange il Governo, lo sappiamo bene,/ E piangono anche altri… proprio a ragione:/ Ma di ciò noi non ci meravigliamo.// Che sembri una cosa giusta per davvero/ Che quelli che hanno mangiato senza alcun freno/ Muoiano alla fine crepando di indigestione.// Ma se questi farabutti/ Ci hanno mangiato tutto,/ E ci hanno lasciato addosso/ Solamente la pelle e le ossa;// Quelli che vengono adesso/ Faranno forse peggio,/ Senza fare tanto baccano/ Mangiandoci e ossa e pelle.]

Fé lesti, fé lesti, vnì a vëdde!/ Ij véder deurvì e le saraje:/ La dòna, ch’a pòrta le braje,/ Fé lesti, vnì a vëdde, corì!/ Ah! ah! ah!/ Còs l’é mai col buracio anmascrà?/ Òh! òh! òh! òh! òh!/ L’é la giacculì!/ L’é la giacculà!!/ L’é la giacculò!!!// I veule conòsse la stòria/ ’D na dòna parèj sensa testa?/ ’D na dòna, che anvece dla vesta/ A pòrta le braje e ’l paltò?/ Ah! ah! ah!/ L’é na stòria ben presto contà!/ Òh! òh! òh! òh! òh!/ Giù la giacculì!/ Giù la giacculà!!/ Giù la giacculò!!!// Nen basta contenta ’d fé l’òmo/ Anvece dl’òmo an soa famija,/ L’ha ’l fìdich an pùblica via/ ’D mostresse për… còsa ch’a l’é./ Ah! ah! ah!/ Pòvra dòna, che pen-a ch’a fà!/ Òh! òh! òh! òh! òh!/ Giù la giacculì!/ Giù la giacculà!!/ Giù la giacculò!!!// Atenti, galantòmni, atenti!/ Vardé ’d nen esse tant subieuj:/ Mai, e peui mai, dij vòsti fieuj/ Sia mare na… giuppe-culò!/ Ah! ah! ah!/ L’é na mòda da dòna dla stra!/ Òh! òh! òh! òh! òh!/ Giù la giacculì!/ Giù la giacculà!!/ Giù la giacculò!!!

[Fate presto, fate presto, venite a vedere!/ I vetri aprite e le imposte:/ La donna, che porta i pantaloni,/ Fate presto, venite a vedere, correte!/ Ah! ah! ah!/ Cos’è mai quel burattino mascherato?/ Oh! oh! oh! oh! oh!/ È la giacculì! È la giacculà!! È la giacculò!!!// Volete conoscere la storia/ Di una donna così senza testa?/ Di una donna, che invece della gonna/ Porta i pantaloni e il paltò?/ Ah! ah! ah!/ È una storia che si racconta in fretta! / Oh! oh! oh! oh! oh!/ Giù la giacculì! Giù la giacculà!! Giù la giacculò!!!// Non abbastanza soddisfatta di fare l’uomo/ Al posto dell’uomo nella sua famiglia,/ Ha il fegato sulla pubblica via/ Di mostrasi per… quello che è./ Ah! ah! ah!/ Povera donna, che pena che fa! / Oh! oh! oh! oh! oh!/ Giù la giacculì! Giù la giacculà!! Giù la giacculò!!!// Attenti, galantuomini, attenti!/ Fate attenzione a non essere così stupidi:/ Mai, e poi mai, dei vostri figli/ Sia madre una… giuppe-culò!/ Ah! ah! ah!/ È una moda da donna di strada! / Oh! oh! oh! oh! oh!/ Giù la giacculì! Giù la giacculà!! Giù la giacculò!!!]

Noi soma ’d Pipì: l’é vèra, l’é vèra!/ L’é giovo ’l partì dla bianca bandiera;/ Mach jer da’nt la greuja i soma surtì;/ Dla vita sla seuja, noi soma ’d Pipì.// Ma costi Pipì son nà con la crësta/ E a pen-a surtì da drinta la sësta,/ L’han fàit na fëvrassa sauté con la toss/ A tuta la rassa dij verd e dij ross.// Ò verd serpentass dla massonerìa,/ Chi ij vòsti pastiss a manda ’n lessìa?/ Ò ross socialista, ch’i adòre Lenin,/ Chi av carca, chi av pista ij vòsti ajassin?// Noi soma ’d Pipì: l’é vèra, l’é vèra!/ L’é giovo ’l partì dla bianca bandiera!/ Ma già la canaja l’ha bele capì/ Ch’l’onor dla bataja sarà dij Pipì.

[Noi siamo dei Pulcini: è vero, è vero!/ È giovane il partito della bianca bandiera;/ Solo ieri dal guscio siamo usciti;/ Della vita sulla soglia, noi siamo dei Pulcini.// Ma questi Pulcini sono nati con la cresta/ E appena usciti da dentro la cesta,/ Hanno fatto uscire un febbrone con la tosse/ A tutta la razza dei verdi e dei rossi.// O verdi serpentacci della massoneria,/ Chi i vostri pasticci manda al diavolo?/ O rossi socialisti, che adorate Lenin,/ Chi vi schiaccia, chi vi pesta i calli?// Noi siamo dei Pulcini: è vero, è vero!/ È giovane il partito della bianca bandiera!/ Ma già la canaglia ha certo capito/ Che l’onore della battaglia sarà dei Pulcini]

Commenti

Blogger: Dario Pasero

Dario Pasero
Slòira

Leggi anche

SETTIMO TORINESE. Arriva il Bonus libri di 20 euro e in città è subito polemica…!

Nel 2014, a ridosso delle europee, Renzi si inventò gli 80 euro. Oggi, i 5 …

SETTIMO TORINESE. Porfido? “Son prezzi fuori mercato”

Non si placa la polemica del candidato sindaco dei 5 stelle Massimo Del Vago. Dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *