Home / Torino e Provincia / Ivrea / IVREA. Asilo nido vietato ai figli dei genitori disoccupati. Deriva preoccupante
Municipio ivrea
Municipio ivrea

IVREA. Asilo nido vietato ai figli dei genitori disoccupati. Deriva preoccupante

Il Consiglio Comunale di Ivrea nella seduta del 14 marzo u.s. ha deliberato la modifica del regolamento dell’asilo nido comunale.

In particolare sono stati stabiliti i nuovi criteri e punteggi per definire la graduatoria per le iscrizioni.

La nuova giunta di centro-destra ha deciso di eliminare dall’elenco delle condizioni che danno diritto a un punteggio di 2 punti quella relativa alla condizione di genitore disoccupato.

La maggioranza di centro-destra capeggiata dalla Lega e con il sostegno determinante della lista civica del vice-sindaco Ballurio ha sostenuto la proposta della Giunta determinando così l’approvazione del nuovo regolamento escludendo dal punteggio la condizione di genitore disoccupato. Una logica inaccettabile secondo la quale “se sei a casa perché sei senza lavoro, allora puoi guardarti il figlio”.

Evidentemente non è vero che l’amministrazione è un fatto tecnico e quindi è indipendente dagli orientamenti politici.

Questa scelta ha una valenza politica significativa contraria e lontana dagli orientamenti culturali e politici del centro-sinistra, la cui attenzione per i ceti deboli è prioritaria.

Per questo esprimiamo la nostra preoccupazione per una deriva che rischia di ricadere sui più deboli e sulle persone più in difficoltà.

Su questi temi il Partito Democratico continuerà a fare fino in fondo le sue battaglie in tutte le sedi politiche e istituzionali.

I consiglieri comunali del Gruppo PD di Ivrea

Mauro Salizzoni

Maurizio Perinetti

Fabrizio Dulla

Gabriella Colosso.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Sertoli non ha più una maggioranza grazie ai “Golpisti”. Governo in crisi

Non erano ancora arrivati a Palazzo e già si erano aumentati lo stipendio. Non avevano …

ATTUALITÀ. Concessioni autostradali: ecco i dubbi

Da circa 2 anni all’interno del Consiglio Metropolitano e con il coinvolgimento della Conferenza dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *