Home / Torino e Provincia / Ivrea / IVREA. Addio all’assessorato al lavoro
Sertoli Stefano

IVREA. Addio all’assessorato al lavoro

Ho letto e riletto le deleghe dei cinque assessori e del sindaco, ma niente. Sono scomparse quelle allo Sviluppo Economico e al Lavoro. E’ stata così brava la precedente amministrazione tanto d’aver risolto i problemi occupazionali eporediesi correnti e futuri o piuttosto sono cambiate le sensibilità e le priorità?

Preoccupa non poco la “disattenzione” della neo-eletta giunta comunale verso un tema così critico per il territorio quale è il lavoro. Infatti, care lettrici e cari lettori, non di sole buche e panchine soffre la nostra bella città … Anche se nei mesi scorsi si è parlato di “ripresina“, come già scrivevamo su questo giornale, l’occupazione anche nell’Eporediese è fatta principalmente di precarietà. E nonostante questo … zac! (non quello del Movicentro) tagliato l’assessorato al lavoro.

E se già la precedente amministrazione negli ultimi mesi aveva “temporaneamente sospeso” l’Ufficio Politiche attive per il Lavoro e lo Sportello Opportunità, ora temiano di doverli considerare definitivamente chiusi. Naturalmente la viva speranza è quella di sbagliarci! Purtroppo però nell’ultima campagna elettorale si è sentito dire da più fronti che i Comuni non possono fare granché per l’occupazione e lo sviluppo economico. Questo è vero in parte e smentito dai fatti. Piuttosto la sensazione è che venga sottovalutata l’importanza politica, e pratica, di avere in Comune un assessorato per le politiche del lavoro, privilegiando altri settori più strettamente di “amministrazione comunale” che permettono un più veloce e facile consenso (le politiche attive per il lavoro sono faticose, richiedono tenacia e costanza, e danno piccoli risultati nel lungo periodo).

Cosa può fare un assessore alle politiche del lavoro in un Comune?

In verità era già tutto impostato e ancora si può leggere sul sito del Comune di Ivrea, giusto due esempi:

• Interventi per l’occupazione e il sostegno al lavoro: “programmi di orientamento, occupabilità e occupazione, validi per lo sviluppo territoriale che si concretizzano attraverso strumenti, azioni e opportunità coerenti con i fabbisogni del mercato del lavoro locale per creare condizioni più favorevoli per il reinserimento nel ciclo produttivo e lavorativo, l’inclusione sociale, la qualificazione di lavoratori già occupati, il contrasto ai fenomeni di precarietà, la competitività delle imprese.” 

Questo è un servizio da svolgere in sinergia con il Centro per l’Impiego attraverso lo Sportello delle Opportunità (anche questo invece temporaneamente sospeso…)

• Osservatorio mercato del lavoro: “Attività che mette a disposizione della collettività, i dati relativi ai vari aspetti del mercato del lavoro provenienti da diverse fonti (Istat, Inps, Centri per l’Impiego, CIAA), rafforzando la cultura dello sviluppo territoriale tra tutti i soggetti.” 

Uno strumento molto importante per indirizzare le politiche per il lavoro e di sostegno al reddito, ma che fornisce anche interessanti e utili dati demografici, sulle imprese, sui settori di mercato, sull’occupazione, disoccupazione, avviamenti al lavoro, amortizzatori sociali, e molto altro. Un quadro di insieme che un buon amministratore pubblico locale, non solo responsabile delle politiche per il lavoro, non può non avere per conoscere a fondo il tessuto sociale in cui opera e indirizzare con sapienza le politiche comunali, sovracomunali e nell’ambito della Città metropolitana.

In teoria questi servizi, come tutti gli altri attivati nel fu “assessorato allo sviluppo economico e al lavoro” si possono portare avanti anche senza un responsabile politico, l’assessore appunto, ma non c’è bisogno di essere laureati in “scienze politiche” per capire che la valenza sarebbe molto diversa. E a chi si dovranno rivolgere adesso i lavoratori in situazioni occupazionali critiche che giustamente cercano nella propria amministrazione comunale sostegno fattivo diretto e intercessione presso gli enti superiori come l’assessorato al lavoro della Regione? Tutti dal sindaco? Glielo chiederò quanto prima e farò sapere.

Cadigia Perini

www.rossetorri.it

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Liceo botta

IVREA. Al liceo Botta, tutti pronti per gli scambi linguistici

Pronti per gli scambi linguisti gli studenti del liceo “Carlo Botta” previsti nel prossimo mese …

Cinque nuovi magistrati in arrivo a Ivrea?

Il governo rosso-verde fa un regalo alla Città di Ivrea. La notizia è di qualche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *