Home / In provincia di Torino / IVREA. A 170 anni dalla morte del Generale Perrone

IVREA. A 170 anni dalla morte del Generale Perrone

La Commemorazione della Battaglia di Novara del 23 marzo 1849 – a 170 anni dalla morte del Generale Ettore Perrone di San Martino si è svolta nella mattina di domenica 24 marzo presso la Piazza Perrone con una nutrita rappresentanza di associazioni d’arma provenienti anche da altre provincie.

Organizzata da Unione Nazionale Ufficiali in Congedo di Ivrea, Centro Ricerca e Studi Nord-Ovest con il patrocinio di Associazione di Storia e Arte Canavesana e Città di Ivrea. Hanno presenziato alla deposizione di una corona d’alloro al monumento con il leone morente, il presidente del consiglio della Città di Ivrea Diego Borla, la più alta personalità militare del territorio, generale Giovanni Pieri.

Alle 10 presso la “Sala Dorata” del Palazzo del Municipi il convegno con la narrazione curata da Fabrizio Dassano della battaglia e della figura di Ettore Perrone di San Martini. Della condanna e fucilazione del Generale Girolamo Ramorino, capro espiatorio della “Fatal Novara” ha parlato il professor Avvocato Pierpaolo Rivello, docente universitario e Procuratore emerito presso la Corte di Cassazione; sulle luci e ombre del Risorgimento in raffronto ai nostri tempi, il presidente del Centro Ricerca e Studi Nord Ovest, il generale Franco Pizziconi.

La sindaca di San Martino Canavese Silvana Rizzato ha illustrato il progetto di recupero dei ruderi dell’antica fortezza dei San Martino. I relatori sono stati presentati e gli interventi moderati dal generale Antonio Zerrillo dell’UNUCI di Cuneo. Il tenente degli alpini Daniele Bravo, presidente della rinata sezione Unuci di Ivrea, ha salutato i convenuti e ha consegnato la benemerenza giunta da Roma per i 60 anni di appartenenza all’UNUCI del sottotenente avvocato Antonio Raucci di Ivrea, che l’ha ricevuta in sala.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

VOLPIANO. Luigi Lia a “Chi l’ha visto?”, è scomparso da due mesi

Sono passati due mesi e non c’è ancora traccia di Luigi Lia,  il volpianese di …

NOLE. Vittorio Bartesaghi a processo per esercizio abusivo della professione

Pensavano che non potesse esercitare la sua professione, quella dell’architetto, per alcuni precedenti penali. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *