Home / Dai Comuni / INGRIA. “Comuni fioriti” protagonisti al Salone del libro

INGRIA. “Comuni fioriti” protagonisti al Salone del libro

Al Salone del Libro nel pomeriggio di domenica 13 maggio ha riscosso un notevole interesse nello stand che la Città Metropolitana condivide con la Città di Torino l’incontro sul tema “Comuni fioriti. Dal territorio metropolitano occasioni concrete di sviluppo sostenibile e di promozione”. Si è parlato del concorso nazionale “Comuni fioriti”, di cui sono da sempre protagonisti molti paesi e città del territorio metropolitano. L’Uncem Piemonte supporta l’Asproflor (l’associazione nazionale dei floricoltori) e i Comuni per agevolare la partecipazione ad un’iniziativa che contribuisce all’appeal turistico dei centri piccoli e grandi che partecipano. Tutti i dettagli del concorso sono reperibili nel portale Internet www.asproflor.it.

All’incontro nello spazio della Città Metropolitana sono intervenuti il Vicesindaco metropolitano (delegato ad ambiente e vigilanza ambientale, risorse idriche e qualità dell’aria, tutela fauna e flora, parchi e aree protette), i Sindaci di Pomaretto e Ingria, il Vicepresidente di Uncem Piemonte e, in rappresentanza di Asproflor, Alberto Peyron, giudice del concorso europeo dei Comuni Fioriti.

I primi cittadini di Pomaretto e Ingria hanno illustrato il valore sociale della partecipazione dei loro Comuni ai concorsi nazionale, europeo e mondiale e la mobilitazione che i cittadini sanno mettere in campo quando il nome del loro paese travalica i confini regionali e nazionali.
Nel Pinerolese cresce l’interesse per la candidatura del Comune di Pomaretto, che rappresenterà l’Italia nel concorso mondiale promosso da “Communities in Bloom”, un’organizzazione canadese no-profit impegnata a promuovere orgoglio civicoresponsabilità ambientale e bellezza, coinvolgendo le comunità locali nella valorizzazione degli spazi verdi. Fin dal 2010 Pomaretto ha partecipato al concorso nazionale, con una crescita qualitativa degli allestimenti floreali, che ha portato nel 2016 il paese della Val Germanasca al riconoscimento dei “quattro fiori”, il più alto tra quelli assegnati ogni anno dall’Asproflor alle amministrazioni locali.
Nel 2017 Pomaretto e Faedo (Trento) hanno rappresentato l’Italia nel concorso dell’Entente Florale Europe, ricevendo la medaglia d’argento. Inoltre il paese reso famoso dalle suggestive vigne di montagna del Ramìe nel 2011 ha vinto il premio “Casa fiorita” e nel 2017 il “Pollice verde”, che viene assegnato a un dipendente comunale distintosi nella cura del verde e delle fioriture negli spazi pubblici. La partecipazione alla sfida mondiale coinvolge tutta la cittadinanza, per preparare al meglio il paese alla visita in incognito dei severissimi giudici del concorso, i quali valuteranno le fioriture ma anche molti altri aspetti relativi alla cura dell’ambiente da parte dei cittadini e dell’amministrazione comunale. Per il 1° luglio, proprio nei giorni in cui la giuria internazionale visiterà il territorio, è stato programmato l’evento “Pomaretto a colori… camminando mangiando nei suoi borghi”.

Anche nel Canavese cittadini ed associazioni si stanno mobilitando, per sostenere la candidatura del Comune di Ingria nel concorso promosso dall’Entente Florale Europe. Il Sindaco ha spiegato che l’abbellimento floreale del suo suggestivo paese montano coinvolge giovani, adulti e anziani, tanto da aver dato vita ad una vera e propria attrattiva turistica.

Gli incontri promossi dalla Città Metropolitana nello spazio condiviso con la Città di Torino nel padiglione 1 del Lingotto Fiere si concludono lunedì 14 maggio alle 11,30con il dibattito sul tema “Il futuro delle biblioteche storiche a Torino e in Piemonte. Le buone pratiche per la valorizzazione di un patrimonio prezioso”. Intervengono la Consigliera metropolitana delegata a Istruzione, orientamento e formazione professionale, sistema educativo, rete scolastica, infanzia, politiche giovanili e biblioteca storica, la responsabile della biblioteca dell’Accademia delle Scienze di Torino, il dirigente del Settore promozione beni librari ed archivistici della Regione Piemonte.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

NOLE. Il nuovo campanile è più basso, Viano scrive a Bertino

“Perché ci hanno abbassato il campanile?”. Comincia così la lettera aperta scritta da Roberto Viano, …

CIRIÈ-GERMAGNANO. Storia a lieto fine per Bisulin, il cagnolino ha trovato la stabilità

(di Cinzia Fontana)   Bisulin ha finalmente trovato una famiglia che ha deciso di regalargli la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *