Home / Coronavirus / Inchiesta sulle case di riposo di Nole, San Mauro, Corio, Bairo, Volpiano, Brusasco, San Maurizio, Bosconero e Brandizzo
Soccorsi per coronavirus

Inchiesta sulle case di riposo di Nole, San Mauro, Corio, Bairo, Volpiano, Brusasco, San Maurizio, Bosconero e Brandizzo

* QUI I DATI DELL’ASL TO4

* I dati sono in continuo aggiornamento

Qui la mappa del contagio in Piemonte

CLICCA QUI PER I DATI DELL’ITALIA E DEL MONDO

SE SEI STRANIERO CLICCA QUI PER UNA COMUNICAZIONE IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO

CLICCA QUI PER LE NOTIZIE DA TORINO E DALL’ITALIA

Nell’Asl To4 la situazione continua ad essere critica nelle case di riposo. La Procura di Ivrea ha aperto un fascicolo su alcune di esse: la Piovano Rusca di Nole Canavese, la Sereni Orizzonti di San Mauro Torinese, la Villa Lina a Corio Canavese, il Residence del Frate a Bairo, la Rsa G. Arnaud a Volpiano, l’Annunziata a Marcorengo di Brusasco, la Beata Vergine della Consolata Fatebenefratelli a San Maurizio Canavese, la residenza gestita dall’Ente Parrocchiale San Giovanni Battista a Bosconero e la Piccola Lourdes a Brandizzo. Gli accertamenti sono stati affidati ai carabinieri, che dovranno acquisire la documentazione sulle relazione tra la struttura e l’Asl To4 e i sistemi di protezione adottati all’interno delle case di riposo.

Altro capitolo l’ospedale di Chivasso dove s’allarga il contagio tra il personale sanitario.

In Piemonte: i decessi salgono a 1.689

Oggi pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che il numero complessivo di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, è di 1.180 (159 in più di ieri): 61 (+1) in provincia di Alessandria, 65 (+9) in provincia di Asti, 69 (+19) in provincia di Biella, 113 (+14) in provincia di Cuneo, 82 (+20) in provincia di Novara, 639 (+75) in provincia di Torino, 68 (+2) in provincia di Vercelli, 63 (+16) nel Verbano-Cusio-Ossola, 20 (+3) provenienti da altre regioni. Altri 1.075 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.

I DECESSI 

Sono 98 i decessi di persone positive al test del “Coronavirus Covid-19” comunicati nel pomeriggio dall’Unità di Crisi, di cui 30 al momento registrati nella giornata di oggi. Occorre ricordare che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente dall’Unità di crisi può comprendere anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi covid. Il totale complessivo è ora di 1.689 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 329 ad Alessandria, 87 ad Asti, 111 a Biella, 116 a Cuneo, 170 a Novara, 689 a Torino, 89 a Vercelli, 77 nel Verbano-Cusio-Ossola, 21 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

CONTAGI

Sono 16.109 le persone finora risultate positive al “Covid-19” in Piemonte: 2.210 in provincia di Alessandria, 764 in provincia di Asti, 656 in provincia di Biella, 1.370 in provincia di Cuneo, 1.542 in provincia di Novara, 7.642 in provincia di Torino, 791 in provincia di Vercelli, 859 nel Verbano-Cusio-Ossola, 199 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 76 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 381. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 65.391 di cui 34.220 risultati negativi.

Qui la tabella

In Italia i contagiati salgono a 152.271

Sono complessivamente 100.269 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 1.996. Venerdì l’incremento era stato di 1.396. Dai dati della Protezione civile emerge che sono 30.258 i malati in Lombardia (728 in più rispetto a ieri), 13.495 in Emilia-Romagna (+145), 10.749 in Veneto (+147), 12.170 in Piemonte (+594), 5.992 in Toscana (+170), 3.333 in Liguria (+32), 3.231nelle Marche (-85), 3.730 nel Lazio (+97), 3.002 in Campania (+39), 2.064 a Trento (+70), 2.402 in Puglia (+66), 1.382 in Friuli Venezia Giulia (+16), 2.001 in Sicilia (+34), 1.724 in Abruzzo (+89), 1.269 nella provincia di Bolzano (-48), 723 in Umbria (-29), 888 in Sardegna (+12), 792 in Calabria (+6), 590 in Valle d’Aosta (-12), 281 in Basilicata (+2), 193 in Molise (0). Quanto alle vittime, se ne registrano 10.511 in Lombardia (+273), 2.481 in Emilia-Romagna (+84), 1.633 in Piemonte (+101), 831 in Veneto (+38), 467 in Toscana (+13), 734 in Liguria (+25), 689 nelle Marche (+7), 273 nel Lazio (+10), 238 in Campania (+7), 284 nella provincia di Trento (+9), 253 in Puglia (+15), 185 in Friuli Venezia Giulia (+6), 154 in Sicilia (+6), 206 in Abruzzo (+8), 200 nella provincia di Bolzano (+9), 52 in Umbria (0), 73 in Sardegna (+4), 66 in Calabria (+1), 107 in Valle d’Aosta (0), 17 in Basilicata (+2), 14 in Molise (+1).

E sono 32.534 le persone guarite, 2.079 più di ieri.  Ieri l’aumento dei guariti era stato di 1.985.

Il numero dei contagiati totali dal coronavirus in Italia – compresi morti e guariti – è di 152.271, con un incremento rispetto a ieri di 4.694.

Calano ancora per l’ottavo giorno consecutivo i ricoveri in terapia intensiva. Sono 3.381 i pazienti nei reparti, 116 in meno rispetto a ieri. Di questi, 1.174 sono in Lombardia, in calo di 28 rispetto a ieri. Dei 100.269 malati complessivi, 28.144 sono poi ricoverati con sintomi – 98 in meno rispetto a ieri – e 68.744 sono quelli in isolamento domiciliare. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile.

Hanno raggiunto i 963.473 i tamponi coronavirus eseguiti in tutta Italia. E’ quanto emerge dai dati diffusi dalla Protezione Civile. “C’è stato un incremento di 56mila tamponi”, ha spiegato il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Farmacia

Covid: test rapidi anche in farmacia a 35/40 euro

In Piemonte inizia da oggi l’utilizzo dei test rapidi per individuare le persone positive al …

Cirio

In Piemonte arriva la stretta su scuole e centri commerciali

Il Piemonte vara la stretta per frenare i contagi Covid, oggi 1396 sia pure con …

Un commento

  1. Avatar

    Al Piovano Rusca, da subito, hanno messo in atto sanificazione, allontanamento dei parenti, isolamento nelle camere, utilizzato mascherine e costantemente sorvegliati dal personale interno. La mia mamma, a 93 anni, è gestita con amorevoli cure e competenza. Ho notato che la direttrice tratta i suoi ospiti come se fossero papà e mamma. Per questo sono contenta che mia mamma sia lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *