Home / Torino e Provincia / Azeglio / Il notiziario comunale fa infuriare Ollearis
L'ex vicesindaco Michele Ollearis

Il notiziario comunale fa infuriare Ollearis

L’articolo a firma dell’amministrazione comunale apparso sulla prima pagina del notiziario comunale distribuito ad agosto, ha fatto letteralmente infuriare l’ex vicesindaco ed ora consigliere di minoranza Michele Ollearis. “Solo per il fatto che il sindaco Pio Coda e la sua giunta – tuona Ollearis – utilizzi il bollettino comunale per fare campagna elettorale e denigrare gli amministratori passati, lo ritengo scorretto. L’obiettivo del bollettino, creato dal commissario Roberto Dosio, era un altro. Ovvero? Pubblicizzare sì le iniziative dell’amministrazione, ma senza denigrare chi ha governato il paese prima di loro”.

“Se Pio Coda e i suoi assessori vogliono criticare le giunte precedenti – prosegue – chiedo almeno che si documentino evitando di riportare dati inesatti…”.

Nel lungo articolo in prima pagina l’amministrazione riporta i dati del pagamento della Tarsu. “Dicono che per l’anno 2011 l’importo anticipato alla Scs, la società che raccoglie e smaltisce i rifiuti, è stato di 161 mila euro; mentre per il 2012 il comune ha versato all’azienda 163 mila euro. Tutto sbagliato – commenta Ollearis – All’Scs, per il 2012, il Comune ha pagato 127 mila e 400 euro mentre per il 2011 ha versato 130 mila euro. I soldi in più sono stati pagati per altre opere. Inoltre, su quell’articolo, vienepuntato il dito contro la precedente giunta del sindaco Santina. Gli azegliesi, è vero, hanno pagato di più ma perché da quando si sono insediati non hanno rimodulato le aliquote della Tarsu. Dicano la verità. Nel 2012 la giunta Coda ha riscosso la Tarsu del 2011. Sono loro ad essere indietro di un anno con le riscossioni e non per colpa nostra come scrivono sul bollettino”. “La giunta Coda – non ho paura a riconoscerlo – ha altri pregi. Dal 7 giugno 2012, giorno in cui si sono insediati, hanno fatto parecchie cose per il paese: ad esempio la costruzione del guard rail a protezione della strada che va al cimitero, all’installazione della fontana d’acqua in piazza Conti D’Harcourt. Non devono, però, prendersi i meriti di opere non loro come i loculi al cimitero, l’asfaltatura delle strade tranne via Roma e il rifacimento della facciata e di alcuni uffici interni del palazzo comunale, tutte opere già finanziate quando c’era sindaco Santina ed io ero vicesindaco”.

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

via san lorenzo

IVREA. Entro agosto via le barriere architettoniche in via San Lorenzo. Promessa di Cafarelli

E si ritorna, con l’ennesima mozione (cioè quel provvedimento che in caso di approvazione impegna sindaco …

IVREA. Lo sconforto del grillino Fresc. “Basta non vi sopporto più!!!”

C’è stato un tempo in cui chi faceva amministrazione della cosa pubblica conosceva perfettamente il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *