Home / BLOG / Il Comune ha il pilota automatico

Il Comune ha il pilota automatico

Il bilancio si crea da solo in base a regole precedenti. «I consiglieri hanno facoltà di presentare emendamenti alla proposta di bilancio entro dieci giorni dalla data di deposito». Il Movimento 5 Stelle di Ivrea, partendo da questo assunto (contenuto nel regolamento di contabilità del comune di Ivrea), ha deciso di proporre alcuni emendamenti al bilancio di previsione in approvazione a fine Luglio. Il nostro gruppo è stato il solo, insieme alla “Lista dei Cittadini”, a tentare questa strada. Nonostante il tempo inspiegabilmente risicato ( solo 10 giorni per leggere le centinaia di pagine dei documenti principali, senza contare tutti gli allegati indispensabili per capire di cosa si sta parlando) non ci siamo spaventati. Sapevamo tuttavia quanti ostacoli la burocrazia, al servizio del potere, mette in atto per allontanare i cittadini dalla decisioni che li riguardano. Individuiamo alcune decine di voci di spesa “strane” e  proponiamo di abbassarle al fine di alleggerire le tasse agli eporediesi. Il termine ultimo è fissato del Lunedì 22 Luglio alle 12:00. Impeccabili  ci presentiamo in orario e facciamo protocollare la richiesta.

Essendo coscienti di avere di fonte “la casa che rende folli” , come ben espresso in “Le dodici fatiche di Asterix”, sospettavamo che la risposta, lunga e piena di articoli, sotto-articoli, commi, leggi, decreti, sarebbe stata presumibilmente negativa : la dimostrazione che le chiavi della macchina comunale non vengono concesse a nessuno. La motivazione principale a noi addotta per il respingimento del nostro emendamento è stata quella di aver proposto la modifica di una serie di voci  risultate tutte “immodificabili” per diverse ragioni. Ci siamo quindi chiesti quali fossero le voci a cui gli amministratori possono mettere mano. La risposta giunge repentina dalla Dr.ssa Anna Vigliermo Brusso : “solo le  scelte non connesse ad impegni contrattuali ovvero ad esigenze di funzionamento possono essere modificate e sono quelle relative ad  interventi in campo sociale, sportivo, commerciale, lavoro, culturale/educativo ed il Giro d’Italia”. In effetti un idea per tagliare le spese ora mi è venuta. Togliamo il sindaco, la giunta e tutti i consiglieri e al loro posto mettiamo un computer. Quello che emerge sembra un comune che funziona con il pilota automatico, indipendente dalle scelte degli amministratori, della giunta e perfino del sindaco. La realtà è che le scelte di questa amministrazione (in continuità con la precedente) sono di non variare in nessun modo gli impegni di SPESA già assunti a prescindere dal contesto economico che attorno sta crollando, ed allora anche se lo Stato toglie risorse al Comune, pur di non rinunciare a qualche opera pubblica, si continuerà a tartassare i cittadini con nuove o maggiori tasse locali nel nome della “Buona Amministrazione” per la quale questa giunta è stata votata. “A sarà dura” come dicono i nostri amici valsusini, ma noi non demorderemo !

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

ROMANO. Prende a schiaffi una ragazza e la minaccia con una pistola ad aria compressa: arrestato

Si recava a firmare presso il Commissariato di polizia a Ivrea e una volta rispettato …

MONTALTO. Ancora disservizi: i cittadini chiedono alle Poste interventi

Più di 100 firme per migliorare la situazione dell’ufficio postale cittadino. I problemi delle poste …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *