Home / Home / Il bilancio di un anno

Il bilancio di un anno

Siamo agli sgoccioli. Un altro anno sta per finire e, chi più chi meno, siamo tutti tentati di fare il bilancio di un anno. Se i giorni sono stati tutti scoppiettati, non potrà che migliorare. Se siamo stati sfortunati o colpiti da disagi e problemi personali, non potrà certo piovere per sempre, e di sicuro il nuovo anno avrà in serbo qualcosa di positivo per noi. L’ottimismo e la propositività sono a cena con noi tutte le sere e si agghindano per farci compagnia durante la lunga notte del veglione che accompagna le lancette dell’orologio pronte per il conto alla rovescia. Anch’io sono più elettrica del solito, ed il conto alla rovescia l’ho già cominciato con i giorni e le ore che mi separano dal 2020.

Ho in mente tante di quelle idee e progetti che non vedo l’ora passino i giorni che mi separano da tutto. E sì che di appuntamenti ne ho tanti!

La propositività e il buon umore sono propedeutici ad un buon incipit. Partie con il piede giusto ritengo sia non solo fondamentale ma anche strategico per dare davvero un imprinting positivo alla nostra esisteza e riuscire in tutto ciò che intraprendiamo. O almeno provarci. E se davvero siamo stati sfortunati, non guardiamoci indietro a rimpiangere quello che è andato male. Il nostro futuro è soprattutto nelle nostre mani.

Me lo ripeto anch’io tutti gli anni, mentre una vocina mi dice di non farmi illusioni. Perchè infondo si tratta solo di un giorno in più sul calendario e non cambierà nulla dal 1° gennaio. Ma vuoi mettere la gioia, la festa, l’ansia, l’aspettativa del sabato del villaggio? Perchè dopotutto domani è un altro giorno davvero, ed ogni cosa può essere riscritta come vogliamo. Dobbiamo partire da questo presupposto e credere in noi stessi. Non siamo i padroni del mondo e non possiamo decidere le sorti dell’umanità, ma siamo dotati di libero arbitrio e le scelte che facciamo sono quelle che condizionano l’esistenza di ciascuno. Non sto parlando di scegliere tra il nuovo modello di IPhone o Samsung, ma anche solo attraversare la strada o rimanere dallo stesso lato della carreggiata talvolta ha delle conseguenze inimmaginabili. Salire su una moto o preferire una passeggiata. Candidarsi per una borsa di studio internazionale o optare per la quieta esistenza di un paesino di provincia. Riaprire gli occhi quando tutti avevano detto che sarebbero rimasti chiusi.

I progetti per il nuovo anno non li anticipo a nessuno, ma sono tutti qui che mi frullano in testa. Sono tanti come sempre, e riuscirò a realizzarne appena un quarto di tutti. Ma saranno tantissimi ugualmente, perchè non riesco a star ferma e guardare il tempo scorrere inesorabile senza che gli abbia trasferito la mia scarica di entusiasmo e adrenalina.

Perchè domani è un altro giorno. Un altro anno. Una vita tutta da scrivere.

Buon 2020  a tutti!

Commenti

Blogger: Mary Rider

Mary Rider
La mela incantata

Leggi anche

coronavirus

Sabato 27 giugno. Covid: in Piemonte si registrano 3 morti in più (dalle 16 di ieri)

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè …

La commercialista Patrizia Benincasa

La commercialista Patrizia Benincasa spiega gli ammortizzatori sociali

La commercialista Patrizia Benincasa, commercialista con studio in Torino in via Cibrario 56, spiega tutte le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *