Home / BLOG / Golfo del Tigullio Doc con il coniglio alla ligure
Coniglio ligure
Coniglio ligure

Golfo del Tigullio Doc con il coniglio alla ligure

Appartiene ai piatti più famosi della cucina ligure. Più precisamente del Ponente Ligure anche se oggigiorno è diffuso in tutto il territorio nazionale; parliamo del coniglio alla ligure, un piatto tipico e prelibato che vede l’accostamento della carne delicata e “dolce” del coniglio con il sapore abbastanza amarognolo dato dalle olive nere taggiasche.
Lo abbineremo ad un vino che proviene da una delle zone turisticamente più conosciute della Liguria, la zona che va da Sestri levante a Santa Margherita Ligure, cioè la costa del Tigullio. Un susseguirsi di località balneari cha vantano una importante tradizione turistica con ampi porticcioli, impianti sportivi all’avanguardia e strutture ricettive raffinate. Nel Tigullio la bellezza dei paesaggi marini si unisce alla vivacità dei centri cittadini e al fascino dei fondali. Inoltre gli appassionati di vela, surf e golf trovano le condizioni ideali nella natura e nelle strutture sportive. Nei ripidi pendi della costa si coltivano anche splendidi vigneti da cui si ottengono ottimi vini quale il “Golfo di Tigullio rosato frizzante” doc in prevalenza da vigneti di ciliegiolo (tra il 20 e 70%) e Dolcetto (tra il 20 e 70%), ma possono concorrere anche altri vitigni a bacca rossa congiuntamente autorizzati in provincia di Genova sino ad un massimo del 40%.
Le caratteristiche organolettiche di questo vino sono le seguenti: colore rosato tenue; profumo vinoso e delicato ; sapore secco, fresco, armonico, vivace.
Ma ritorniamo al coniglio alla ligure, la cui diffusione in questa zona è spiegabile con la grande quantità di allevamento di conigli che fin dall’antichità riempivano la Regione e ne favorivano il sostentamento in particolare nelle provincie di Savona e Imperia. Elenchiamo ora gli ingredienti che occorrono per preparare questo piatto per quattro persone:
-1 kg di coniglio
-80 g di olive taggiasche
-1 cipolla
-1 spicchio d’aglio
-1 cucchiaio di pinoli
-mezzo bicchiere di vino bianco secco
-4 cucchiai di olio d’oliva
-2 foglie d’alloro
-1 cucchiaino di timo e uno di maggiorana
-1 cucchiaio di rosmarino tritato
-sale q.b.
PREPARAZIONE : tagliare il conigli a pezzi . Prendete un tegame abbastanza capiente e mettete l’olio e fate appassire le cipolle tagliate a pezzettini e l’aglio. Unite poi il coniglio e fatelo rosolare, quindi aggiungete le foglie di alloro, il timo, la maggiorana, il rosmarino. Quando il coniglio avrà assunto un colore dorato, aggiungete il vino, lasciate evaporare, quindi unite le olive taggiasche. Fate insaporire per una decina di minuti a fuoco lento, quindi servite caldo.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

Il miglior meccanico Yamaha d'Italia è di Cavagnolo

CAVAGNOLO. Gianluca ha vinto il campionato Yamaha: il miglior meccanico d’Italia ce l’abbiamo noi!

Il miglior meccanico d’Italia ce l’abbiamo noi, a Cavagnolo. Crescere con un sogno nel cassetto, …

A Chivasso una misteriosa morìa di pesci

CHIVASSO. Misteriosa morìa di pesci nella roggia Campagna. Si indaga

Misteriosa morìa di pesci nella roggia Campagna o Gora di Chivasso. Da questa mattina decine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *