Home / Sport / Golf / GOLF. Pavan e Molinari partono forte nel BMW PGA Championship

GOLF. Pavan e Molinari partono forte nel BMW PGA Championship

Bella partenza di Andrea Pavan, quinto con 68 (-4) colpi, e di Francesco Molinari, campione in carica, 14° con 69 (-3) nel BMW PGA Championship, uno dei più prestigiosi tornei dell’European Tour, equiparato praticamente a un major, e quarto degli otto eventi delle Rolex Series che si sta disputando al Wentworth Golf Club  (par 72) di Virginia Water, in Inghilterra, dove ha preso il comando con 65 (-7) Matt Wallace. Sono al 42° posto con 71 (-1) Renato Paratore ed Edoardo Molinari e occupa il 100° con 74 (+2) Guido Migliozzi, mentre è stato squalificato Nino Bertasio per aver firmato uno score sbagliato.

L’avvio veloce di Wallace (un eagle, cinque birdie), 29enne inglese di Hillingdon con quattro titoli sul circuito, tre datati 2018, non ha sorpreso buona parte dei bigs. Infatti Jon Rahm ed Henrik Stenson sono secondi con 66 (-6), Justin Rose, numero 4 mondiale, è quarto con 67 (-5) e Paul Casey ha lo stesso score di Pavan così come Danny Willett ed Ernie Els. Nella classifica abbastanza corta Alex Noren affianca Francesco Molinari e ha il medesimo punteggio anche il giovane Viktor Hovland che ha effettuato il 18° giro consecutivo sotto i 70 colpi e il 21° sotto par. Sono subito dietro Tommy Fleetwood, Martin Kaymer, Patrick Reed e Tony Finau, 27.i con 70 (-2), Fuori dal coro Shane Lowry e Billy Horschel, 69.i con 72 (par), Ian Poulter, 85° con 73 (+1), e soprattutto Rory McIlroy, numero due del World Ranking, 114° con 76 (-4).

Andrea Pavan /nella foto) ha segnato un eagle, quattro birdie e un doppio bogey, Francesco Molinari sei birdie e tre bogey, Renato Paratore tre birdie e due bogey, Edoardo Molinari quattro birdie e tre bogey e Guido Migliozzi tre birdie, altrettanti bogey e un doppio bogey.

Iniziativa contro il gioco lento – E’ cominciata al Wentworth GC la battaglia dell’European Tour contro il gioco lento. Oltre a un sistema GPS di cronometraggio. che fornisce agli arbitri tempi precisi dopo ogni buca giocata, c’è anche un monitor con l’introduzione di “semafori” rossi e verdi per avvertire i concorrenti se sono in ritardo o meno. La luce rossa indica di accelerare per non incorrere in penalità. Tutti gli arbitri sono muniti di tablet per avere la posizione esatta dei partecipanti.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Antonio Carlo Mazzone, presidente del Bussolino Sport

MOUNTAIN BIKE. Il Bussolino Sport conta i giorni che lo separano dalla ripresa

Il Bussolino Sport è pronto per ripartire con lo stesso entusiasmo di sempre. L’instancabile presidente …

Gruppo Sportivi Chivassesi

ATLETICA LEGGERA. Gruppo Sportivi Chivassesi: “Abbiamo grandi speranze e pochissime certezze”

Al Gruppo Sportivi Chivassesi si pensa al futuro dovendo inevitabilmente fare i conti con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *