Home / BLOG / Gola e lussuria non sono peccati gravi, lo ha detto il papa!
Pope Francis during the meeting with authorities, civil society and diplomatic corps at the Ponta Vermaelha Palace in Maputo, Mozambique, 05 September 2019. Pope Francis will visit Mozambique, Madagascar, Mauritius on his three-nation trip to Africa, from 04 to 10 September 2019. ANSA/LUCA ZENNARO

Gola e lussuria non sono peccati gravi, lo ha detto il papa!

La porta era chiusa. Gli ascoltatori erano pochi, intimi, fratelli gesuiti in Monzamico, durante l’incontro avuto in occasione del viaggio in Africa di Papa Francesco. Ma le sue parole sono state chiare e non equivocabili: “Gola e Lussuria non sono peccati grav”i. Sono argomenti  così discussi e chiacchierati perchè attraggono l’attenzione comune, in modo che “ci si concentra sul sesso e poi non si dà peso all’ingiustizia sociale, alla calunnia, ai pettegolezzi, alle menzogne”. Insomma, rapprenterebbero il fumo che il clericalismo vuole tenta di gettare negli occhi dei fedeli. Parole del Pontefice, “il clericalismo è una vera perversione nella Chiesa, pretende che il pastore stia sempre davanti, stabilisce una rotta, e punisce con la scomunica chi si allontana dal gregge. Insomma: è proprio l’opposto di quello che ha fatto Gesù. Il clericalismo condanna, separa, frusta, disprezza il popolo di Dio…. Una delle dimensioni del clericalismo – ha aggiunto il Papa – è la fissazione morale esclusiva sul sesto comandamento. Una volta un gesuita mi disse di stare attento nel dare l’assoluzione, perché i peccati più gravi sono quelli che hanno una maggiore ‘angelicità’: orgoglio, arroganza, dominio. E i meno gravi sono quelli che hanno minore angelicità, quali la gola e la lussuria”.

Ho riportato quasi per intero il virgolettato dell’intervista, letta sul Il FattoQuotidiano, perchè finalmente, per la prima volta, il Papa ha parlato del sesso, e non lo ha condannato. “La sessualità, il sesso, è un dono di Dio. Niente Tabù, è un dono di Do, è un dono che il Signore ci dà. Ha de scopi: amarsi e generare la vita…. il vero amore è appassionato”.

Ridare dignità e riconoscere la naturalità di un istinto primordiale è il primo passo di un Uomo (non dico della Chiesa) per aprirsi al popolo, alla gente, alle coppie più o meno “ufficiali” condannate a vivere in un ipotetico stato di colpa e di peccato per una asserzione priva di giustificazioni. Perchè la Fede è amore, verso il rpossimo e verso se stessi. Perchè il sesso è amore, verso il proprio partner di qulunque sesso o colore. Perchè la passione ci aiuta ad essere felici, in pace con se stessi e con il mondo. E perchè sono altri i veri peccati da condannare, queli citati nei dieci comandamenti (gli assassini, i ladri, i blasfemi, i cattivi contro il prossimo) e quelli che infrangono la legge commettendo reati.

Chi fa lamore non fa male a nessuno e fa tanto bene a se stesso. Allora facciamo l’amore. Facciamolo bene e facciamolo spesso. Con la benedizione di papa Francesco!

 

Commenti

Blogger: Mary Rider

Mary Rider
La mela incantata

Leggi anche

QUINCINETTO. Frana: “A5 chiusa 100 giorni? Era solo una stima prudenziale”

Continua a far discutere l’ipotesi di una chiusura prolungata dell’autostrada tra i caselli di Ivrea …

SETTIMO. La “Fera Dij Coj” battezza la Confraternita dei Persi Pien

La Confraternita dei Persipien è la novità della Fera Dij Coj di quest’anno. Il sodalizio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *