Home / BLOG / Gnocchi alla Romana
Gnocchi alla Romana

Gnocchi alla Romana

Ingredienti

Burro 100 gr
Groviera 30 gr
Latte 1 litro
Noce moscata una grattata
Parmigiano Reggiano 120 gr
Sale q.b.
Semolino 250 gr
Uova 2 tuorli
Pomodorini 6

■ Preparazione

Iniziamo ponendo il latte in un tegame sul fuoco, unitamente a una noce di burro, ad un grosso pizzico di sale, e alla noce moscata; appena bollirà versiamo a pioggia il semolino, mescolando energicamente con una frusta, per evitare la formazione di grumi.

Cuociamo il composto a fuoco basso per qualche minuto, fino a che il semolino si addensi, dopodiché togliamo il recipiente dal fuoco ed incorporiamo al composto i due tuorli e gli 80 gr di parmigiano reggiano grattugiato.

Versiamo il composto ottenuto in una teglia capiente e dai bordi bassi, e livelliamolo con l’aiuto di un coltello bagnato, ottenendo uno strato di circa 1 cm. Prendiamo una teglia e imburriamola.
Accendiamo il forno a 200°.
Non appena il semolino si sarà raffreddato, con l’aiuto di un bicchiere, una tazzina o un tagliapasta di forma tonda, ricaviamone tanti dischi del diametro di circa 5 cm, che andremo ad adagiare nella pirofila sovrapponendo leggermente un disco all’altro.

Quando avremo sistemato tutti i dischi nella pirofila, cospargiamo la superficie con il parmigiano, groviera grattugiato, fondiamo il burro rimasto e irroriamo per bene la preparazione.
Mettiamo la pirofila nel forno già caldo e lasciamo gratinare gli gnocchi alla romana per circa 20-25 minuti, finchè si formerà una bella crosticina dorata.
Sforniamo e condiamo con pomodorini tagliuzzati. Serviamo gli gnocchi caldi!

Fonte: https://www.facebook.com/LaForchettaRicette/

Cristiano Pane

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. La metamorfosi di Vincenzo Ceratti… C’era una volta il brutto anatroccolo

Il Generale Vincenzo Ceratti, tornato alla ribalta delle cronache “carnascialesche” in seguito alla sostituzione di …

FAVRIA. Mi dichiaro colpevole di amare Favria e la sua Comunità…

Egregio Signor Direttore, scrivo in riferimento all’articolo apparso in data 11 febbraio sul settimanale da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *