Home / BLOG / GIUSEPPE RIVA

GIUSEPPE RIVA

Cari lettori, dopo una pausa nella rubrica ripartiamo di slancio con un pittore
eporediese ottocentesco che, malgrado il cognome, non è mai stato antenato di
Gigi Riva.

Giuseppe Riva è stato prima di tutto un avvocato, ma viene ricordato per quella
che fu sempre la sua passione, la pittura paesaggistica. D’altra parte, la vita
è un paesaggio…ah no.

In gioventù ebbe modo di formarsi tecnicamente in Svizzera, presso il
celeberrimo Alexander Calame (io non l’ho mai sentito, ma sono sicuro che sia
celeberrimo, perlomeno più famoso di me, specialmente come pittore, e forse
anche di Alessandro Gigno Vinia, e conseguentemente di Leonardo Di Caprio);
nella Confederazione Elvetica imparerà a utilizzare la cioccolata per
rappresentare il colore dei castagni, dei noci e, per errore, delle violette.

Secondo altre fonti invece venne istruito da Gustave Eugene Castan, lui stesso
discepolo del Calame, che risiedeva sul Lago di Ginevra, da cui la nota opera
“Lancillotto del Lago di Ginevra”.

Durante la permanenza nel suo atélier, ebbe modo di conoscere Alfred Van
Muyden, paesaggista olandese e centravanti dell’Aiax, nonché Jean Baptiste
Camille Corot, arcinoto pittore francese con cui amava canticchiare canzonette
ben intonate ma estremamente volgari.

La prima opera di successo fu “Le due pastorelle”, un dipinto che come tutti
avrete intuito aveva come protagoniste le vostre amatissime Georgia Popolo e
Anna Malo, rappresentate nella loro partecipazione in un presepe vivente quali
pascolatrici di visoni affetti da Covid.

Altra opera di successo fu “Ultimi istanti di Cola di Rienzo, Tribuno di Roma”,
da non confondere con Matteo Renzi, carnefice della Sinistra.

Nonostante queste opere particolarmente ambiziose e di intenso interesse
storico, la sua passione principale fu sempre la rappresentazione degli
ambienti canavesani, anche se non dipinse mai l’Olivetti in quanto
paesaggista e non futurista.

Il legame col territorio era tale che fondò la Società Artistica Canavesana, di
cui peraltro fece parte.

Giuseppe Riva morì il 10 novembre 1916, undici giorni prima di Cecco Beppe.

Commenti

Blogger: Franco Kappa

Franco Kappa
Ivrea di palo in frasca

Leggi anche

VENARIA. C’è tempo fino al 14 febbraio per richiedere i buoni alimentari

Anche disoccupati e pensionati in difficoltà economica, residenti in a Venaria, potranno richiedere, fino alle …

VENARIA. Si rifà il look di piazza Vittorio Veneto

Tra qualche tempo, con il Covid-19 non si può dare una data precisa, piazza Vittorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *