Home / La Voce Più / Giuseppe Micheletto e Giovanni Garino, due ribaldi di Leynì. La condanna a morte del novembre 1832
Il patibolo nel momento immediatamente precedente l’impiccagione; il condannato è sulla forca, il cappio già gli stringe il collo. La folla, attorno, segue attenta e trepidante (da una stampa inglese del Settecento).

Giuseppe Micheletto e Giovanni Garino, due ribaldi di Leynì. La condanna a morte del novembre 1832

Questa storia inizia nelle vicinanze di Torino, tra le cinque e le sei del mattino di venerdì 27 maggio 1831, sulla via che da Venaria, attraversando la strada di Caselle, va al Ponte di Stura, a breve distanza dalla Cascina detta del Comotto. Il negoziante in granaglie Giuseppe Lega, [...]

Se vuoi continuare a leggere questo contenuto devi essere abbonato all'edizione digitale. Se hai già un abbonamento effettua il login, altrimenti vai sul nostro STORE (cliccando qui) e acquistane uno.


Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

appendino

SETTIMO. Appendino: “Insulti sulla pagina Fb della Lega, solidarietà alla consigliera Sanfilippo”

Dopo le polemiche di ieri, sul “caso Sanfilippo”, oggi è arrivata anche la presa di posizione della …

Assolti

CRESCENTINO. Cittadinanze facili ai brasiliani: sfilano in aula i primi testimoni

«A Crescentino per ottenere la cittadinanza la media era di 69 giorni, quando per una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *