Home / Sport / Altri Sport / GINNASTICA RITMICA. Eurogyminica si prepara per un mese di marzo infuocato
Lo staff di Eurogymnica

GINNASTICA RITMICA. Eurogyminica si prepara per un mese di marzo infuocato

Il mese di marzo si preannuncia impegnativo e denso di appuntamenti per le ginnaste di Eurogymnica, così come per la dirigenza e l’Onda Blu, il gruppo di volontari dell’associazione che saranno chiamati nelle prossime settimane a concentrare molte energie su una lunga lista di appuntamenti.

Dal punto di vista strettamente agonistico, le misure di contenimento del coronavirus, adottate dal Governo e dalla Regione Piemonte, hanno gioco forza creato non pochi problemi allo staff tecnico e alle ginnaste di HDemia, il Polo Tecnico Societario che ha come sedi di allenamento il palasport Don Milani di Brandizzo e il Palalancia di Chivasso. Sospesi tutti gli allenamenti per alcuni giorni, le EGirls hanno dovuto far fronte all’emergenza allenandosi per conto loro, outdoor, finché gli impianti non sono stati dichiarati nuovamente utilizzabili.

Lo stop fortunatamente non si è protratto a lungo, permettendo la ripresa della preparazione in vista delle ultime tappe del Campionato di Serie A1 che quest’anno è stato teatro delle belle performance di giovani stelle di Eurogymnica, come la sanmaurese Laura Golfarelli o Rita Minola e delle chivassesi Luna Chiarello, Giada e Sofia Albertone, oltre che di tante ginnaste del territorio fatte esordire da Tiziana Colognese e dal suo gruppo di lavoro.

Così come tutte le altre competizioni programmate nel nord Italia, anche la terza prova del massimo campionato, che avrebbe dovuto tenersi in Lombardia e più precisamente a Desio, è stata annullata creando un’ulteriore problema nell’identificazione della data per il recupero e la sede adatta ad ospitarla. Tra le alternative al vaglio della Federazione, anche la possibilità di un recupero concomitante con la Final Six, il nuovo, innovativo evento che porterà a Torino, proprio con l’organizzazione di Eurogymnica, la finale a 6 squadre con le migliori ginnaste italiane e straniere in pedana e con la partecipazione straordinaria delle Farfalle azzurre. Saltato per gli stessi problemi l’incontro Italia – Giappone, la Squadra Nazionale Italiana troverà a Torino la cornice di pubblico e l’ambiente adatto per provare gli esercizi in prospettiva olimpica.

A questo appuntamento imperdibile, programmato per il 21 di marzo al Palasport Gianni Asti di Torino, potrebbe dunque aggiungersi anche il recupero della terza prova di A1 e A2 che si terrebbe a questo punto il giorno precedente, venerdì 20 e con la finale del Campionato di Serie B la domenica. Una tre giorni di ritmica mai organizzata prima. Nei prossimi giorni, dopo un incontro a Roma tra i rappresentanti del CONI, delle Federazioni e del Governo, dovrebbero sciogliersi le riserve ed essere rese note le sedi.

Ma per Eurogymnica non si tratta solo di farsi trovare pronta per le manifestazioni e le competizioni nazionali; in arrivo ci sono anche prestigiose gare internazionali con la solita azzurrina Alessia Leone in pedana e soprattutto con Gaia Garoffolo che in virtù del doppio passaporto affronterà un filotto di sfide iniziando già questa settimana il suo tour europeo a Brno in Repubblica Ceca, per poi proseguire con Thiais in Francia e poi con la tappa italiana di Coppa del Mondo di Pesaro e quelle di Sofia e Taskent fino al 20 aprile.

Resta poi da definire il recupero dell’ultima prova del Campionato Interzona ZT1 di Serie C che al momento vede Eurogymnica in testa alla classifica.

Non resta dunque che attendere le decisioni di chi il mondo dello sport lo governa, ingannando il tempo allenandosi, naturalmente.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

La premiazione di Joachim Oberhauser

VOLO IN PARAPENDIO. Joachim Oberhauser conquista il tricolore nei cieli del Canavese

Successo altoatesino nel Campionato Italiano di volo in parapendio, in programma dall’1 all’8 agosto nei …

CHIVASSO. 16 ambulanti del mercoledì portano il Comune al Tar

CHIVASSO. 16 ambulanti del mercoledì portano il Comune al Tar. “Molti di noi non possono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *