Home / Torino e Provincia / Giaglione / GIAGLIONE. Tav: protesta Val Susa, corteo contro condanne maxiprocesso
No tav

GIAGLIONE. Tav: protesta Val Susa, corteo contro condanne maxiprocesso

Centinaia di No Tav, in maggioranza della Valle di Susa, si sono incamminati oggi dall’ abitato di Giaglione verso il cantiere di Chiomonte per una “passeggiata”. La manifestazione è in segno di protesta contro le 47 condanne pronunciate dal tribunale al termine del maxi processo ed è anche “un modo – viene spiegato – di dimostrare che la nostra lotta non si ferma”.
Uno dei due spezzoni del corteo è stato fermato poco oltre la metà del percorso da un dispositivo di betafence e recinzioni collocate sul sentiero. La prefettura, per l’occasione, ha diffuso un’ordinanza che vieta il passaggio su qualsiasi strada da Giaglione e da Chiomonte verso il cantiere. “E’ vergognoso e antidemocratico”, commenta Francesca Frediani, consigliere regionale del M5S, presente alla manifestazione. Il blocco del corteo No Tav diretto al cantiere della Torino-Lione, in Valle di Susa, è “una situazione non costituzionale”. Lo sostiene Alberto Perino, storico leader del movimento che si oppone alla nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità. “Si impedisce – aggiunge – anche ai proprietari dei terreni in prossimità dell’area di potervi accedere in modo prolungato e immotivato. E’ facile vincere – ha concluso – quando il croupier bara, il gioco è truccato e chi dovrebbe controllare il gioco è amico del banco”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Leggi anche

NOLE. L Nóst Pais, da 25 anni per la tradizione

Da 25 anni l’Associazione ‘L Nóst Pais lavora sul territorio nolese cercando di mantenerne le …

SAN MAURIZIO. Materiali inquinanti nel terreno del depuratore? Biavati è tranquillo…

Ci sono dei materiali inquinanti nel terreno che il depuratore di Ceretta dovrà attraversare una …

Un commento

  1. Bisogna mandare la Polizia una volta per tutte a dare sonore manganellate a questi deficienti e se serve anche ai deficienti politici locali che li appoggiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *