Home / Torino e Provincia / Gassino Torinese / GASSINO. Wifi in città grazie all’Unione Europea

GASSINO. Wifi in città grazie all’Unione Europea

Gassino è nei 3400 comuni europei ad avere vinto il bando per il wifi #WIFI4EU.

“Ho curato personalmente tutto l’iter di domanda dei contributi (15mila euro) – racconta il sindaco Paolo Cugini – e sono molto contento che sia stato raggiunto un altro obiettivo del nostro mandato!”.

Ma non è tutto, il primo hotspot wifi, per collegarsi in città, è stato già montato, proprio qualche giorno fa.

Il primissimo wifi – racconta il sindaco sarà installato nella zona vicino al Primo Levi, oratorio e biblioteca. Il progetto c’è già e, se tutto dovesse andare per il meglio il servizio sarà attivo da venerdì 24 maggio”. Il tutto, grazie al contributo europeo, 15 mila euro, che arriverà nelle casse del comune a breve.

Detto del primo hotspot, successivamente, ne arriveranno anche altre.

Questa la programmazione pensata dall’attuale primo cittadino Paolo Cugini. Dovrebbero essere 6, in tutto, i punti wifi: uno a Bussolino, uno a Bardassano, uno in centro, vicino al municipio, uno in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa e un altro nella zona dei campi sportivi.

Vanno da Catania a Chioggia, da Barletta a Voghera fino a Gassino i 510 i comuni italiani vincitori del secondo bando Wifi4Eu, l’iniziativa dell’Unione europea che finanzia l’installazione di reti wifi gratuite negli spazi pubblici come biblioteche, piazze e ospedali.

Ogni municipalità avrà a disposizione un voucher da 15mila euro per creare gli hotspot necessari all’entrata in funzione delle reti internet.

Visto l’alto numero di adesioni, l’Italia, la Spagna e la Germania hanno beneficiato del numero massimo di voucher messi a disposizione dall’iniziativa europea per ogni Stato membro.

Il 98% dei voucher è stato assegnato nei primi 60 secondi di apertura del bando sulla base del criterio ‘primo arrivato, primo servito’ (first-come, first-served).

Quindici comuni italiani sono stati inseriti in una lista di riserva, nel caso in cui qualcuno dei vincitori si ritiri.

In tutta Europa sono 3.400 le municipalità risultate vincitrici del bando, a cui sono stati assegnati voucher per un totale di 51 milioni di euro. A fare domanda di partecipazione erano stati oltre 10mila comuni.

La prima call di Wifi4Eu aveva attirato oltre 13mila candidature e distribuito 2.800 voucher.

I vincitori italiani erano stati 224 su 3.202 partecipanti, un record fra i Paesi Ue.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. E adesso parla Cimadom: “Manital non è in perdita!” (intervista)

C’è un’azienda. Si chiama Manital. Ha i bilanci in ordine ma non riesce a pagare …

CHIVASSO. Luca Garritano, artigiano orafo a cavallo fra tradizione e innovazione

Nell’era della tecnologia e del virtuale, dove si sta sempre più perdendo il contatto con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *