Home / Dai Comuni / GASSINO. Il Comune tratta con i dipendenti per le ferie
Paolo Cugini, sindaco di Gassino
Paolo Cugini, sindaco di Gassino

GASSINO. Il Comune tratta con i dipendenti per le ferie

La diatriba tra il comune di Gassino e i suoi dipendenti, alla quale qualche mese fa un giudice di primo grado ha riconosciuto 300 giorni di ferie non è finita.

Non si tratta di uno scherzo ma di quanto sta accadendo a dieci dipendenti del comune di Gassino, che, dopo aver fatto causa al comune, hanno “vinto” 300 giorni di ferie in tutto.

Proviamo a fare un po’ di storia.

La questione parte da lontano, dai primi anni duemila, è proprio da quel periodo che le ferie dei dipendenti del comune iniziano ad accumularsi, non godendone mai (o solo in parte) i giorni diventano sempre di più, fino ad arrivare al 2015, quando il nuovo sindaco, Paolo Cugini, chiede al personale di mettere giù il piano ferie.

A quel punto, il sindaco, decide di non riconoscere tutte le ferie arretrate (per legge non puo’ farlo), i dipendenti, quindi, fanno causa al comune. Qualche mese fa, il giudice, ha dato ragione ai 10 dipendenti. “Devono godere i 300 giorni di ferie”.

Dopo la pubblicazione della sentenza di primo grado, ad aprile, nulla è cambiato.

Le parti sono ancorai trattativa per provare a costruire una scappatoia che possa evitare l’arrivo in corte d’appello.

Lavoriamo sulla base di quanto pensato prima della sentenza – spiega Cuginisullo stesso principio d’accordo. Per legge non avremmo potuto riconoscere tutte quelle ferie arretrate ai dipendenti ora la sentenza di primo grado ci legittima ad agire diversamente. Speriamo di arrivare ad un accordo prima della prossima udienza in corte d’appello fissata per dicembre”.

Certo, se l’accordo tra le parti avrebbe potuto avere un senso prima della sentenza di primo grado ora pare difficile che i dipendenti cedano qualcosa rispetto a quanto riconosciuto dal giudice. Insomma, l’accordo tra le parti sembra tutt’altro che scontato e i lavoratori del comune sono forti di una sentenza che da loro ragione in toto.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Julio Trujillo porta la “movida latina” a Chivasso con la sua “Tremenda Gozadera”

Julio Trujillo, nativo del Perù ma residente a Rondissone e ormai in Italia da vent’anni, …

CHIVASSO. “Letture a Palazzo Estate”: secondo appuntamento

Mercoledì 15 luglio avrà luogo il secondo appuntamento della rassegna “Letture a Palazzo”. Organizzatrice delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *