Manuel Giacometto

La sfumatura di: Manuel Giacometto

Home / Torino e Provincia / Barbania / FUSIONE. Front e Barbania vogliono fare la fusione, ma Vauda mette i bastoni tra le ruote…

FUSIONE. Front e Barbania vogliono fare la fusione, ma Vauda mette i bastoni tra le ruote…

Sembrava già che fosse quasi fatta, a sentire quell’ondata di euforia che ha pervaso Front e Barbania nei giorni scorsi.

L’ipotesi fusione, infatti, ha messo allegria a tutti. Al sindaco di Front, Andrea Perino: “Io sarei favorevole. Ne parleremo con i cittadini, l’iter prevede anche un referendum”. E al sindaco di Barbania, Giovanni Drovetti: “La mia idea è molto semplice, io sono propenso, fosse per me partirei domani con le delibere”.  Le motivazioni sono tante. Soprattutto quei 5 milioni di euro che arriverebbero al nuovo Comune in 10 anni. Panacea. “E poi – agginge Drovettisarebbe un ente di 3.500 abitanti, avrebbe un peso diverso sul territorio. Inoltre si potrebbero fare ragionamenti sulle scuole, sui trasporti interni ed esterni. Ci sarebbero cento possibilità, e non vedo nulla di negativo. I cittadini avrebbero i servizi di adesso e tanti altri in più”.

Anche Francesco Bonomo, deputata barbaniese del Partito Democratico, nonché candidata alla Camera nel collegio uninominale Ivrea-Ciriè, ha espresso sui social il proprio apprezzamento per l’iniziativa.  “Su La Voce in prima pagina ho letto la notizia sull’ipotesi della fusione tra i comuni di Front e Barbania – ha scritto -. Sono felice che il mio sindaco (Barbania) insieme al sindaco di Front abbiano lanciato la proposta di fondere i due comuni, rendendoli confinanti attraverso uno scambio di territori disabitati con Vauda. Una proposta molto interessante, non solo per gli evidenti vantaggi economici (+5 milioni di euro  ma sopratutto perché può diventare un paradigma da seguire per il territorio. Integrazione, semplificazione, risparmi da un canto, dall’altro risorse aggiuntive sul territorio, per valorizzare le sue specificità e identità, attraverso un percorso di condivisione forte con la cittadinanza (è previsto un referendum obbligatorio). Mi piace il progetto, ringrazio Andrea Perino, Sindaco di Front e Giovanni Drovetti, Sindaco di Barbania per il coraggio di proporre soluzioni nuove alle sfide di domani, nel segno del risparmio e della semplficazione.Spero che i cittadini Barbaniesi e Frontesi, possano presto festeggiare tutti insieme San Giuliano, San Domenico, San Pancrazio, San Rocco e la Santa Maria Maddalena!”.

Insomma tutti contenti, tutti ai blocchi di partenza. È fatta.

fusione

E invece no.

C’è problema da risolvere – dice Perino -. Sarebbe necessario fare un piccolo scambio di territorio con Vauda, una striscia che ci dia la possibilità di confinare”.

Ma ma ma…. “Ma Vauda – racconta Drovettiprima delle elezioni del 2019, non ha intenzione di fare il referendum per il cambio di una porzione di territorio. Così diventa dura, avremmo voluto concludere la fusione nel 2019 ma non sarà possibile. Adesso aspettiamo di capire cosa succederà. Spero che il sindaco di Vauda voglia farci questo favore, perché per lui non ci sono né vantaggi né svantaggi, al suo Comune non cambia nulla”.

C’è che il primo cittadino Alessandro Fiorio non sembra così convinto di voler fare questo favore ai colleghi di Front e Barbania. “La mia priorità – spiega – è lavorare per il mio Comune e per i miei abitanti, tutto il resto viene a seguire. L’ho fatto per 4 anni, lo farò anche per il prossimo. Impegnarsi in altri percorsi, come il referendum per la ridefinizione del territorio comunale, non è per Vauda una priorità.  Capisco le esigenze di Front e Barbania che hanno tanta voglia di fondersi in un unico Comune e auguro a loro di riuscire in questo progetto, ma non possono imporre i loro tempi agli altri e penso sinceramente che non vogliano neanche farlo”.

Detto questo, Fiorio attende un passo in avanti da Perino e Drovetti.  Aspetto una proposta chiara – sottolinea – che valuterò compatibilmente con le priorità del mio Comune”. E poi, c’è un discorso più ampio di Unione dei Comuni. 

Abbiamo sempre lavorato bene e discusso tutti insieme – conclude Fiorio -. Vauda, Front e Barbania hanno già avuto un confronto, mentre per quanto riguarda Rivarossa non è stato possibile, visto che manca l’amministrazione comunale per il commissariamento del comune”.

Sogno fusione infranto, almeno per ora? Lo vedremo…

Commenti

Leggi anche

24000 coppi!

24000 coppi! Ho avuto la fortuna di parlare con Mario, in casa di comuni amici …

PONT CANAVESE. Il 28 il “Concert dla Rua”

SABATO 21 LUGLIO A PONT CANAVESE IL CONCERT DLA RÙA TRA MUSICA E STORIA Sabato …