Home / BLOG / Francesco “Pecco” Bagnaia: “Mi sento già in forma e non vedo l’ora di tornare”
FRANCESCO “PECCO” BAGNAIA corre nella MotoGp

Francesco “Pecco” Bagnaia: “Mi sento già in forma e non vedo l’ora di tornare”

Francesco Bagnaia, detto “Pecco”, classe 1997, è un pilota motociclistico italiano, campione del mondo della Moto2 nel 2018, orgoglio della città in cui è cresciuto e dove vive tutt’ora la sua famiglia, Chivasso.

In sella alla Ducati del Team Pramac Racing, corre nella MotoGp.

Questa non è una stagione particolarmente fortunata per lui: una decina di giorni fa, nel

Gran Premio della Repubblica Ceca, durante le prove libere ha rimediato la frattura della tibia destra. Operato, non vede già l’ora di tornare in pista.

Durante questi giorni di convalescenza, l’abbiamo intervistato.

Sei già stato operato per la frattura della tibia avvenuta durante le prove del Gran Premio di Brno. Ora come stai?

Sto bene grazie, mi sto riprendendo. Sono a casa mia con la mia famiglia. Ho iniziato da subito la riabilitazione per tornare il prima possibile in moto.

Quanto pensi possa durare il momento di  stop? Dopo di che, riprenderai subito le gare?

Ci siamo prefissati come data Misano, che sarà la seconda settimana di settembre. Farò di tutto per arrivare pronto, ma non voglio esagerare. Ascolterò i consigli dei medici e di chi mi segue, però mi sento già in forma e ho voglia di tornare.

Sei cresciuto a Chivasso, avrai ancora molti amici qui? Ne senti qualcuno?

Sì certo, sono cresciuto a Chivasso: la mia famiglia, i miei amici e i miei affetti sono tutti lì. Impegni permettendo io e la mia ragazza torniamo sempre a casa quando possiamo per qualche giorno. Molto spesso vengono anche i nostri amici a casa nostra a trovarci, al mare si sta bene.

Quando finirai il mondiale, sai già dove andrai a riposarti?

Siamo solo all’inizio, non penso ancora a riposarmi.

Sei fidanzato?

Sì da 4 anni.

Ora vivi lì ma un domani, molto domani, dove ti vedi in un bellissimo appartamento vista mare o vista parco in una città importante (esempio New York , Monte Carlo, Londra) oppure in una bella, comoda e prestigiosa casa nel verde?

Mi piace viaggiare. Grazie al mio lavoro ho potuto conoscere culture molto diverse e dico però che il posto che preferisco in assoluto è l’Italia: non vorrei vivere altrove.

Ti piace la musica? Quale?

La mia canzone preferita è “Mi fido di te” di Jovanotti. Mi piacciono molto le rock band: ascolto un po’ di tutto, dipende dai momenti.

Dove hai vissuto il periodo di lock-down? Con la tua famiglia?

A casa mia a Pesaro con la mia ragazza.

Qual è la tua marca di auto preferita?

Lamborghini e Audi.

Ami gli animali? Ne possiedi?

Mi piacciono molto gli animali, ma non ne ho per il momento. Non avrei il tempo da dedicargli perché sono sempre via.

Ho visto che ami i tatuaggi. Ti fermi così o pensi che ne farai ancora?

Il primo tatuaggio l’ho fatto quando ho raggiunto il primo podio, il secondo quando ho vinto la prima gara ad Assen, il terzo è un totem con un significato legato ai miei valori. Mi piacciono molto ma, per il momento, mi fermo.

Sei scaramantico? Qualcuno che fa il tuo mestiere lo è.

Siamo tutti un po’ scaramantici, ma non lo sono eccessivamente. Salgo e scendo sempre dalla stessa parte della moto e prima della partenza dico una frase alla mia moto e le accarezzo il serbatoio, nulla di più. Però non bisogna mai dire la frase: “Auguri per la gara”.

La prima cosa che fai finita una gara?

Dipende da com’è andata. In linea di massima sto con la mia squadra. Se è andata bene festeggiamo, se è andata male capiamo cosa possiamo migliorare.

La cosa che ti fa più arrabbiare?

L’ignoranza e la maleducazione.

E quella che ti rende più felice?

Vincere.

Commenti

Blogger: Simonetta Valerio

Simonetta Valerio
“Nel salotto di Simonetta”

Leggi anche

LANZO. Da lunedì l’hotspot per i tamponi si sposta all’Area Polisportivo

Sabato 31 ottobre il Punto di accesso diretto (senza prenotazione) di Lanzo dedicato all’esecuzione di …

118 ambulanza

SAN MAURO. Schiacciato da un macchinario, muore operaio di 47 anni

Un operaio italiano di 47 anni è morto in un incidente sul lavoro che si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *