Home / Torino e Provincia / Fiorano Canavese / FIORANO. Lotta alla zanzara tigre, incontro in Santa Marta
zanzara tigre
zanzara

FIORANO. Lotta alla zanzara tigre, incontro in Santa Marta

 

Si affaccia l’estate e torna il problema delle zanzare. Il sindaco di Fiorano, Laura Fogliato, ha voluto a questo proposito organizzare incontro con la popolazione, con la presenza di esperti. Si terrà venerdì 24 giugno alle 21 presso la Sala Santa Marta.

“L’incontro – anticipa Fogliato – è aperto a tutti i cittadini, con il Dott. Sergio Graziano, incaricato dalla Regione Piemonte di monitorare la presenza della zanzara tigre sia nelle aree verdi pubbliche che presso i giardini e gli orti all’interno del nostro comune. Verrà spiegato come difendere la propria salute e come contenere lo sviluppo del fastidioso insetto”.

La zanzara tigre è lunga dai 2 ai 10 millimetri, è vistosamente tigrata di bianco e nero, attiva durante il giorno, punge rapidamente riuscendo così a fuggire velocemente.

Depone le uova spesso in piccoli contenitori con piccole quantità di acqua: vasi, sottovasi, fognature otturate, grondaie, recipienti di scarto. Le uova resistono alla siccità e possono sopravvivere finché il contenitore dove sono state deposte non si riempia nuovamente di acqua piovana. Ha un limitato raggio d’azione (meno di 200 metri) perciò i luoghi di deposizione delle uova sono vicini a dove si osservano le zanzare.

La Regione Piemonte da oltre 15 anni promuove iniziative di lotta alle zanzare. Nel 2012 i comuni aderenti sono più di 200.

Per capire quali sono le specie di zanzare più diffuse, i tecnici incaricati nell’ambito dei progetti controllano le dinamiche di popolazione delle zanzare. Nei comuni aderenti al progetto si effettua il monitoraggio di zanzare adulte mediante trappole attrattive standard ad “anidride carbonica”(non specifiche per la zanzara tigre), posizionate una volta alla settimana per almeno 18 settimane a stagione, la sera, e raccolte il mattino seguente, funzionano grazie alla sublimazione (passaggio dallo stato solido allo stato gassoso) di ghiaccio secco che genera anidride carbonica e simula la respirazione umana per attirare le zanzare. Le zanzare attirate nella trappola vengono così catturate e successivamente contate e determinate dai tecnici impegnati nel progetto.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

“Atti divini”: la mostra del fotografo David Lachapelle alla Reggia di Venaria

David Lachapelle, l’estroso fotografo americano che usa la macchina fotografica come fosse il pennello di …

MAZZE’. E’ nato l’Inter Club Amici Interisti

“Eravamo tre amici in chat”. Parafrasando una celebre canzone di Gino Paoli dal 15 maggio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *